VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Iscritti | Ricerca | FAQ
 FORUM VILLAGGIO MEDIEVALE
 ARTE, ARCHITETTURA E LETTERATURA
 ARTICOLI PORTALE
 Il mosaico di San Colombano. Aspetti inediti

Note: You must be registered in order to post a reply.
To register, click here. Registration is FREE!

Screensize:
UserName:
Password:
Modalità Formato:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatobarrato Allinea DestraCentratoAllinea SinistraGiustifica Riga Orizzontale Inserisci CollegamentoInserisci EmailInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci citazioneInserisci Lista
   
Message:

* HTML is OFF
* Forum Code is ON
Smilies
Smile [:)] Big Smile [:D] Cool [8D] Blush [:I]
Tongue [:P] Evil [):] Wink [;)] Clown [:o)]
Black Eye [B)] Eight Ball [8] Frown [:(] Shy [8)]
Shocked [:0] Angry [:(!] Dead [xx(] Sleepy [|)]
Kisses [:X] Approve [^] Disapprove [V] Question [?]

   
   

T O P I C    R E V I E W
enionline Posted - 21/06/2006 : 14:19:29
Discussione relativa all'articolo :
Il mosaico di San Colombano. Aspetti inediti
al seguente indirizzo :
http://www.villaggiomedievale.com/scheda.asp?ID=93
15   L A T E S T    R E P L I E S    (Newest First)
Janus Posted - 05/08/2006 : 11:50:06
Interessante! ignoravo completamente queste cose! Cos'é esattamente il "re dei fiori"? Da dove si origina questa figura? Tradizione popolare, antiche feste pagane?

Grazie delle dritte!
Tessera Posted - 05/08/2006 : 00:28:50
quote:
Originally posted by FlaviusStilicho

Permesso...
Spero di non essere importuno, mettendo il becco anche in questa discussione.
Vorrei comunque segnalare una cosa, che magari è già nota.
I corni tenuti in mano dal mese di Marzo, nonché i suoi capelli spettinati dovrebbero essere allusioni al "Marzo ventoso", ovvero al mese in cui i mutamenti di tempo dovrebbero essere più repentini.
Ciao.

Esatto, Marzo è un mese allegorico, allude infatti la ventosità particolarmente accentuata di questo mese. I corni o buccine o ancora olifanti (li ho trovati descritti in tutti i modi) con il loro suono sottolineano la violenza dei venti che ululano passando fra le fessure delle porte e delle finestre. I capelli arruffati e sconvolti sono l'elemento visivo comunque più caratteristico ed aggiungo di non facile realizzazione in un mosaico, basti vedere le stilizzazioni negli altri tappeti coevi da te citati (Pavia e Piacenza).

Riprendo anche il discorso di Dicembre, ti confermo che si tratta della tradizionale mattanza del maiale comune nella maggioranza dei cicli da me catalogati (per Janus: non sarà bello, ma non credo sia stato facile comporre la scena con l'animale schienato e l'uomo sopra di lui a cavalcioni l'effetto visivo sul posto è molto realistico). Fa seguito al mese di Novembre dove vedi il contadino abbacchiare le ghiande (attenzione ghiande e non noci, quelle se le mangiavano a casa) per ingrassare il più possibile i maiali.

I mesi allegorici nel mosaico di Bobbio sono 3:
marzo: i venti
aprile: re dei fiori
gennaio: Giano bifronte
Otto mesi scandiscono i ritmi delle attività legate al lavoro nelle campagne, mentre un discorso a parte va fatto per maggio, il giovane cavaliere evoca l'inizio della stagione della caccia, ma anche quello della guerra, ricordi le campagne di maggio di Carlo Magno?
FlaviusStilicho Posted - 04/08/2006 : 21:03:26
Permesso...
Spero di non essere importuno, mettendo il becco anche in questa discussione.
Vorrei comunque segnalare una cosa, che magari è già nota.
I corni tenuti in mano dal mese di Marzo, nonché i suoi capelli spettinati dovrebbero essere allusioni al "Marzo ventoso", ovvero al mese in cui i mutamenti di tempo dovrebbero essere più repentini.
Ciao.
Janus Posted - 04/08/2006 : 19:55:08
Non é che possa escluderlo del tutto ma ... mi convince di più l'ipotesi del Carnevale!
Per prima cosa, perché il tipo mi pare abbia due corni in mano (uno per mano appunto): cosa più facile a vedersi durante una manifestazione di giubilo popolare (tipo Italia campione del mondo! ) piuttosto che durante una caccia!

Altro motivo: il tipo che rappresenta Marzo é l'unico spettinato (per usare un eufemismo ) in tutto il ciclo dei mesi: ha dei capelli che nemmeno un punkabbestia!
Ora ... ammesso che a correre dietro ad una preda da cacciare, con una muta di cani e due corni nelle mani sicuramente i capelli non resteranno granché a posto, ma ciò detto mi pare che una simile (s)pettinatura sia più più spiegabile con le "follie" carnevalesche piuttosto che con una caccia!

Ah... dimenticavo! BUONE VACANZE anche da parte mia!!!
costanza Posted - 04/08/2006 : 18:05:12
grazie mille!
in alcune fonti ho trovato anche l'associazione tra marzo e la caccia, a causa dell'utilizzo del corno.
buone vacanze a tutti a presto
Janus Posted - 27/07/2006 : 20:09:15
quote:
Originally posted by costanza

Per quanto rigurda marzo, ho trovato un testo che lo definisce come "marte" ...mi documento

Beh .. certo! E' una cosa di cui stiamo discutendo anche nel mio forumetto personale (da cui é nato questo forumone )nel topic sulla piemontesissima Sacra di San Michele.
Appena chiudiamo la discussione,vorrei trasferirla qui ... per ora la trovi a questo indirizzo:
http://medioevo.forumfree.net/?t=8714672 (se non volete link esterni ... togliete pure! ) sui calendari c'è poco ... si parla per lo più di zodiaco e costellazioni ma ... magari qualche spunto lo trovi!

L'associazione Marzo-Marte é abbastanza logica: si associavano spesso ai mesi anche dei Pianeti (oltre alle costellazioni zodiacali ovviamente!)

E' spiegato bene qui (ottimo sito gestito da amici dell'Università di Genova e non solo ...)

http://www.mclink.it/personal/MH0077/SectioAurea/Sectio%201/Elettrico%202%20-%20Gli%20Dei.htm


Nonostante ciò questo processo di identificazione tra dei ed astri diviene sempre più saldo; Manilio nel suo poema Astronomica, scritto tra il 9 e il 15 d.C., celebrava gli astri come divinità, contribuendo a fondere sempre più la mitologia con l’astrologia e la rappresentazioni degli dei con quella dello zodiaco. Già in età repubblicana cominciano ad essere usate le espressioni abbreviate Saturnus o Juppiter al posto di Sidus Saturni e Sidus Jovis, mentre in età augustea viene introdotta la settimana planetaria, fino ad una corrispondenza tra calendario e zodiaco, che riguarda non solo i giorni ma anche i mesi e le ore.

Macrobio allude a queste corrispondenze ad esempio tra marzo e Marte, in latino per entrambi mars, che corrisponderebbe all’Ariete, segno zodiacale del mese di marzo. Così anche aprilis verrebbe dal greco aphros, cioè spuma: è difatti aprile corrisponde a Venere in associazione con il Toro. Maggio ancora, cioè maius, deriva da Maia, madre di Mercurio e questi è infatti il pianeta del mese di maggio, corrispondente al segno dei Gemelli, mentre giugno si riferisce al segno del Cancro, domicilio della Luna, perché associato a Giunone Lucina o lunare. Ancora gennaio deriverebbe da uno degli dei più antichi e importanti dell’antichità romana: il Giano bifronte.

costanza Posted - 27/07/2006 : 19:46:54
una potatura....appena trovo qualcosa te lo dico..in effetti gli alberi si potano fino al periodo pasquale (almeno, così dicono i contadini anche se non so su che base dato che ogni anno cambia data)..però sarebbe una ripetizione in alcuni cicli ...mah
Per quanto rigurda marzo, ho trovato un testo che lo definisce come "marte" ...mi documento
grazie per il link collegato all'articolo
Per quanto riguarda i mosaici più antichi non penso che rientreranno nella tesi, in quanto mi occupo di quelli del XII secolo comunque grazie lo stesso!!a presto
Janus Posted - 23/07/2006 : 19:47:42
quote:
Originally posted by costanza

Sono una studentessa dell'Università degli studi di Torino, la mia tesi di laurea verte sulla campionatura di alcuni mosaici pavimentali rappresentanti le personificazioni dei mesi.

Onestamente non so se possa interessarti, ma ti segnalo questi due "cicli dei mesi" (sempre con la tecnica del mosaico) risalenti all'età Greco-Romana:

- Mosaico dei Mesi di Argo (in Grecia) ... non ho trovato immagini ma su questo sito c'é una descrizione dettagliata (se vuoi la traduco)
http://www.mae.u-paris10.fr/ginouves/texteimpr/grec/AR8.html

- Mosaico dei Mesi di Sousse (Tunisia) (III sec. dC)
http://www.tunisie.com/mosaiques/mosaic39.html
http://www.tunisie.com/mosaiques/mosaic39b.html

Janus Posted - 19/07/2006 : 22:35:30
quote:
Originally posted by costanza

il mese di febbraio penso che rappresenti la produzione del burro (assomiglia tanto a una zangola), l'ho ritrovato anche a san michele a Pavia, però a Bobbio il bastone presenta una biforcazione nella parte finale che non ho trovato in altri luoghi

Prendila con tutte le cautele di questo mondo (non conosco l'iconografia del "burraiolo" ) ma a me sembra una specie di potatura .. in una mano mi sembra di vedere un'ascia mentre l'altra mi sembra tenere il tronco sottile di una pianticella dentro un vaso, che viene sfoltita dei rami ...
Domanda da ignorante di campagna ... quand'é che si potano gli alberi?


quote:
Originally posted by costanza

Il mese di Marzo trovo che sia una immagine interessante, l'ho ritrovata anche a San Michele presso Pavia, a San Zeno a Verona, a San Savino a Piacenza e nel battistero di Parma....il problema è che non ho identificato la fonte antica, non la conosco!!quindi per adesso l'ho classificato come "immagine allegorica". avete qualche idea al riguardo?

Qui forse può esserti utile questo articolo:
http://www.italianostra-milano.it/campagna/pdf/Zuffi.pdf
marzo - tradizionalmente il mese del carnevale e della “follia” - come un giova-ne con i capelli al vento che soffia in un corno

Quindi ... più che un'immagine allegorica, ancora una volta uno spaccato di vita quotidiana!


quote:
Originally posted by costanza

Anche il mese di dicembre si distacca un po' dalla iconografia tipica dei cicli dello stesso periodo storico e dello stesso territorio. Di solito ho trovato uccisioni di maiali o trasporto di fascine, qui , invece tosa un pecora ( o la uccide? mah)


Io (pur nella mia ignoranza) scarterei la tosatura: tosarla a dicembre equivale a farla morire di freddo poverina!
Direi che, o sta macellando una pecora ... oppure sta ammazzando un maiale disegnato veramente male!
costanza Posted - 19/07/2006 : 19:13:58
Bella l'ipotesi delle età dell'uomo, può dare un senso a questa disposizione un po' "casuale"!. Dopo averla letta ho provato a usare le differenze grafiche tra le bifore per vedere se avrebbero potuto guidare lo sguardo dell'osservatore nella ripartizione, ma purtroppo non ho trovato nessuna corrispondenza, se trovo qualche segno grafico che indirizzi la tua lettura te lo segnalo (speriamo)
Per quanto riguarda le iscrizioni di septenber, novenber, decenber, mi sono imbattuta in loro anche nel ciclo di santa Maria maggiore presso Aosta..negli altri siti, invece, viene utilizzata la "m" al posto della "n"..per adesso non ne ho trovati altri..
il mese di febbraio penso che rappresenti la produzione del burro (assomiglia tanto a una zangola), l'ho ritrovato anche a san michele a Pavia, però a Bobbio il bastone presenta una biforcazione nella parte finale che non ho trovato in altri luoghi
Grazie per il suggerimento del sorbolo , può aiutarmi a identificare le peculiarità locali e a differenziarle dal modello caroligio.
Il mese di Marzo trovo che sia una immagine interessante, l'ho ritrovata anche a San Michele presso Pavia, a San Zeno a Verona, a San Savino a Piacenza e nel battistero di Parma....il problema è che non ho identificato la fonte antica, non la conosco!!quindi per adesso l'ho classificato come "immagine allegorica". avete qualche idea al riguardo?
Anche il mese di dicembre si distacca un po' dalla iconografia tipica dei cicli dello stesso periodo storico e dello stesso territorio. Di solito ho trovato uccisioni di maiali o trasporto di fascine, qui , invece tosa un pecora ( o la uccide? mah)
Vi ringrazio tanto per gli aiuti, a presto (spero di potervi scrivere qualcosa di nuovo, intanto mi documento! ) buona serata a tutti
Janus Posted - 14/07/2006 : 13:03:52
quote:
Originally posted by Tessera

Primo fra tutti il fatto che la serie dei mesi anzichè procedere da sinistra a destra, è stata raggruppata in tre gruppi di quattro mesi ciascuno due posti sul terzo registro e due sul quarto.
Io avevo a suo tempo ipotizzato che si trattasse di tre età dell'uomo (il numero Tre è ricorrente nel mosaico!)
Possibile! Ed é anche una bella metafora: associare l'arco dell'anno a quello della vita! Il simbolismo del tre, ha in generale (ma lo sapete meglio di me! ) un rischiamo alla divinità ... bisognerebbe vedere se in questo caso era voluto!

Trovo davvero molto interessanti le finestrelle tra gli archi dei mesi: la maggioranza sono bifore "semplici" ma ci sono alcune significative differenze ...

Aprile é una trifora;
Giugno ha una bifora più "spessa" ed un'altra bifora asimmetrica (come anche Ottobre);
tra Luglio e Agosto altra bifora "spessa", come anche tra Settembre e Ottobre, Novembre-Dicembre e Gennaio-Febbraio;

Non ho idea del significato (se c'é ...) ma lo segnalo comunque!


quote:
Infine trovo particolarmente intriganti i due falò a fianco di Gennaio, sono completamente privi del contorno che è presente in tutto il resto del mosaico e manca il minimo accenno a fascine di legna, viene da chiedersi da dove scaturiscano le lingue di fuoco?

La butto lì ... un espediente grafico utilizzato per rendere l'idea di un corpo luminoso ... di un corpo che fa luce? E' l'unica cosa che mi viene in mente ...
Tessera Posted - 13/07/2006 : 21:53:38
quote:
Originally posted by costanza
Per adesso ho trovato molto interessanti le immagini di dicembre, settembre e gennaio, ma devo documentearmi ancora un po'!

Appena potrò fare una selezione di immagini ti mostrerò un particolare che ritengo molto interessante nel mese di Aprile.
Posso comunque adesso farti notare alcuni punti che metterei in evidenza.
Primo fra tutti il fatto che la serie dei mesi anzichè procedere da sinistra a destra, è stata raggruppata in tre gruppi di quattro mesi ciascuno due posti sul terzo registro e due sul quarto.
Io avevo a suo tempo ipotizzato che si trattasse di tre età dell'uomo (il numero Tre è ricorrente nel mosaico!)

Fanciullezza (marzo, aprile, maggio, giugno)
Maturità (luglio, agosto, settembre, ottobre. Questi sono anche i mesi dei raccolti)
Vecchiaia (novembre, dicembre, gennaio, febbraio)

Altro particolare da sottoporre ad analisi ritengo possa trovarti nei titulus dei mesi di
septenber, novenber, decenber,
qui forse ci può venire in aiuto qualche esperto paleografo, mi pare singolare e personalmente non li ho mai trovati scritti così da nessun'altra parte.

Ti segnalo ancora Giugno, la cui falce fienaia è priva dell'impugnatura laterale che mi risulta diffondersi in Europa solo dopo il 1150.

Se osservi anche Ottobre noterai un albero con frutti a grappolo rossi, si tratta del sorbolo, una pianta che era ancora molto diffusa nella zona della val Trebbia ancora fino al ai primi decenni del secolo scorso.

Infine trovo particolarmente intriganti i due falò a fianco di Gennaio, sono completamente privi del contorno che è presente in tutto il resto del mosaico e manca il minimo accenno a fascine di legna, viene da chiedersi da dove scaturiscano le lingue di fuoco?

Ciao, e mi raccomando tienici aggiornati sugli sviluppi della tua ricerca
Janus Posted - 13/07/2006 : 20:04:45
quote:
Originally posted by costanza

Grazie per la fiducia, ma le mie conoscenze sull'argomento non sono per nulla approfondite!! Comunque sono disponibilissima a parlare di Bobbio e dei cicli dei mesi
Sicuramente ad Agosto farò da spola tra casa e il mare, quindi mi collegherò almeno una volta alla settimana

Se nel frattempo ti serve una mano da un punto di vista più "generale" o per cose urgenti, per quel poco che possiamo fare, ci siamo anche noi!

(le vacanze purtroppo ... sono ancora lontane! )
costanza Posted - 13/07/2006 : 19:08:01
Grazie!! quanti spunti!per adesso mi sto occupando di una descrizione iconografica delle immagini e sto sercando di capire quanto si differenzino dal modello carolingio.mah!! chissà se ce la farò... Per adesso ho trovato molto interessanti le immagini di dicembre, settembre e gennaio, ma devo documentearmi ancora un po'!!
Grazie per la fiducia, ma le mie conoscenze sull'argomento non sono per nulla approfondite!! Comunque sono disponibilissima a parlare di Bobbio e dei cicli dei mesi
Sicuramente ad Agosto farò da spola tra casa e il mare, quindi mi collegherò almeno una volta alla settimana
A presto
Tessera Posted - 12/07/2006 : 19:36:52
quote:
Originally posted by costanza
Gent.mo dott. Giordani


Gentilissima dottoranda Costanza

Come dice l'amico Janus possiamo darci tranquillamente del "Tu" evitando i formalismi.

Il tema è a me molto caro, sia per quanto riguarda il mosaico (Bobbio in particolare) che i calendari medievali.
Devo dirti, che per quanto è a mia conoscenza, la bibliografia potrebbe sembrare abbastanza ricca, ma inoltrandoci nell'analisi dei contenuti, pottremmo avere grosse delusioni.
Salto i "classici" come il Venturi, il Porter o il Toesca in quanto seppure trattino il tema sono alquanto generici.
Un discorso a parte potrebbe essere fatto per il Toesca essendo stato il responsabile della regia soprintendenza ai tempi della scoperta (1910).
Il primo autore che svolse uno studio preliminare sul mosaico degno di nota (se escludiamo alcuni articoli apparsi su quotidiani e riviste dell'epoca che a mio parere possono essere utili solo a livello di citazione bibliografica) fu Hermes Balducci che scrisse "Il mosaico della basilica di San Colombano a Bobbio" nel 1935. Il libretto penso non sia facilmente reperibile, io comunque ne possiedo un fotocopia.
Salto agli anni più recenti.
Rosmarie Hess pubblicò la sua tesi di laurea "Il mosaico di San Combano a Bobbio" in Arte medievale, Periodico internazionale di critica dell'arte medievale, II Serie, anno II, n. 1988.
Si tratta di un'analisi secondo me ben organizzata e che rivela aspetti inediti molto interessanti.
L'originale è in tedesco, ma ne possiedo una traduzione in italiano.
Giuseppe Ligato ha svolto un'analisi sul mosaico, ma mi risulta unicamente incentrata sulla rappresentazione della crociata.
Gli interventi sono reperibili su Archivium Bobiense 2001 n.23 e 2002 n.24
Perrine Mane in "Calendriers et techniques agricoles (France-Italie, XII-XIII siècle)" 1983, mette a confronto molti calendari medievali, fra cui anche i cicli musivi italiani e francesi.
Sono sicuro di poter ampliare i riferimenti, ma con un pò più di tempo a disposizione; al momento i miei neuroni non sono in grado di fornirmi altro materiale.
Ovviamente il tema mi interessa particolarmente e mi piacerebbe confrontare le nostre conoscenze, magari in un apposita discussione su questo forum.
Purtroppo nelle prossime due-tre settimane mi sarà molto difficile collegarmi, ma da agosto dovrei tornare a regime e quindi pronto per dispensare le mie perle di saggezza e conoscenza (ovviamente scherzo)

VILLAGGIO MEDIEVALE © VILLAGGIO MEDIEVALE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Forum Medioevo , Arte e Architettura Medievale, Ricostruzione Storica, Medioevo Italiano, Araldica Medievale, Turismo medievale