VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Iscritti | Ricerca | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 FORUM VILLAGGIO MEDIEVALE
 ARALDICA
 ARALDICA
 Famiglia De Girardi
 Forum Bloccato  Discussione Bloccata
 Stampa
Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 2

solange
Ospite

Italy
13 Posts

Posted - 18/08/2008 :  16:42:22  Show Profile
grazie infinite per le risposte che mi state dando. Ciò che sono riuscita a sapere è che mia bisnonna era veneta, della provincia di Rovigo, e che i suoi genitori avevano ancora ai tempi delle tenute di famiglia lì in veneto, anche se non so esattamente dove.
Dicono che lei rièpeteva spesso che lo stemma era "una ruota che gira ed una fiamma che arde", non so se questo potesse essere il loro motto oppure non c'entrasse nulla.
Resto in attesa di vostre nuove dritte di cui vi ringrazio davvero di cuore.
A presto.
Solange

ScriptaVana
Amministratore

3080 Posts

Posted - 18/08/2008 :  22:37:13  Show Profile
Nel caso tu non l'abbia già fatto, potresti tentare una ricerca sui registri parrocchiali dove sono registrati gli atti di battesimo e matrimonio.

La condizione è quella di conoscere patronimici e matronimci, e da quanto scrivi tu risali almeno ai bisnonni, ma soprattutto la parrocchia di riferimento, ovvero la sede presso la quale insistevano gli atti canonici pertinenti la famiglia di cui ti occupi.

Ovviamente le cose si complicano dovendo seguire e la linea patrilineare e quella matrilinerare.

Se tu riuscissi a risalire sufficientemente indietro nel tempo, supponiamo il secolo XVIII, l'eventuale predicato nobiliare dovrebbe essere registrato ed esplicitato in tali documenti: da qui potresti avere una qualche base maggiore a suffragio della tua ipotesi.

Gli archivi parrocchiali sono nominalmente pubblici, nominalmente poiché se si tratta di una parrocchia piccola spesso il tutto dipende dalla buona volontà e dalla disponibilità del parroco [postilla: per i registri più antichi, status animarum, dovrai rivolgerti agli archivi diocesani, in questo caso l'accesso è di norma subordinato alla presentazione di una lettera commendatizia da parte di un sacerdote o di un docente].

Con un poco di fortuna potresti risalire con una certa continuità sino al secolo XVI, ma tutto dipende dallo stato di conservazione degli archivi e dalla loro dispersione.

Altra possibile chiave di ricerca: se pensi che vi fossero tenute nella zona di Rovigo, potresti rivolgerti all'Archivio di Stato di Rovigo e consultare il Catasto Napoleonico (dal 1810 al 1813) e quello Austriaco (1841-1927) ed individuare sia i titolari, solitamente indicati completi di patronimico, sia l'esatta zona del possesso.
Sempre nell'Archivio di Rovigo, potrebbe essere utile scorrere anche il fondo Intendenza di Finanza (1862-1942) che è dotato di un indice onomastico, lo Stato Civile Napoleonico (1806-1815).

In ogni caso puoi consultare in rete l'elenco dei fondi archivistici in
http://www.archivi.beniculturali.it/ASRO/patrimonio2.html


L'accesso agli Archivi di Stato è libero e gratuito, quindi non troveresti alcuna difficoltà, salvo eventualmente quella imposta dagli orari di apertura.

Prova a dare una scorsa anche a questa discussione

http://www.villaggiomedievale.com/forum/topic.asp?TOPIC_ID=1129

il riferimento è al patriziato veneziano, ma i fondi archivistici indicati potrebbero comunque darti qualche indicazione.

BV

Edited by - ScriptaVana on 19/08/2008 08:36:22
Go to Top of Page

MVC
Nuovo Abitante

Italy
111 Posts

Posted - 19/08/2008 :  11:46:17  Show Profile
Giusto per fare chiarezza a solange:

la particella "de" prima del cognome girardi non è un predicato nobiliare. Il predicato deve avere la particella scritta in minuscolo, e soprattutto deve riferirsi a un feudo, cioè a una terra.

I titoli di corte e la nobiltà senza titolo non hanno predicato. questo per dire che a volte si portava un titolo appoggiato al predicato se si era titolari di uno o piu feudi, viceversa si portava il titolo appoggiato al cognome se non vi era titolarità di feudi.

La nobiltà civica, per esempio "mauro valerio capecci dei camelijs di pietracamela nobile di ripatransone", non aveva il predicato ma solo il toponimo della città nella quale si era stati ascritti al consiglio nobile ( i nobili civivi eran quelli che governavano le città, mentre i nobili feudali governavano le loro terre).
nel caso appena esposto ( che poi è il mio caso) il "dei ( o de')camelijs di pietracamela" indica la provenienza da una certa famiglia e il " nobile di ripatransone" il toponimo , appunto, della città governata.

Nel caso dei girardi, dunque, non si tratta di predicato nobiliare, ma semplicemente di provenienza da una certa gens.

Il problema è capire se quella particella "de" sia stata cognomizzata o meno nel tempo.

Go to Top of Page

Hurtado_de_Mendoza
Visitatore

Italy
6 Posts

Posted - 23/09/2008 :  13:44:08  Show Profile  Click to see Hurtado_de_Mendoza's MSN Messenger address
In provincia di Rovigo nella città di Adria e a Rovigo stessa ci sono molti Girardi.
Ho conosciuto un Girardi il quale era ufficiale della Riserva e, non vorrei sbagliarmi, aveva una discendenza con la famiglia dei De Girardi.
E' un persona giovane ed è ancora attivo nell'esercito ed in altre attività.
Probabilmente la"De" l'avranno persa nell'arco del tempo.
Se hai bisogno posso darti il suo indirizzo.
Go to Top of Page

Bartolo
Amministratore

Italy
2946 Posts

Posted - 04/10/2008 :  09:31:59  Show Profile  Visit Bartolo's Homepage  Click to see Bartolo's MSN Messenger address
Riporto di seguito altri quesiti posti dall'utente Solange, qui trasferiti da due distinte discussioni che ho provveduto a cancellare, in quanto recanti il medesimo titolo della presente.

Ciao a tutti, eccomi di nuovo qui con un inghippo. Sono riuscita a risalire al mio trinonno Agostino Boscaro il quale sò dal foglio matricolare essere nato a Correzzola (PD) e sò anche l'anno giusto. Ho contattato tutte le parrocchie del posto ma in nessuna risulta la sua nascita. Com'è possibile? Secondo voi quanto dovrò girare per trovare dove è il collegamento con i Girardi o De Girardi?
Grazie per gli aiuti ed i consigli.
Solange

Un' altra domanda: come posso risalire ai possedimenti della mia bisnonna? Si racconta che alla morte del marito, nel 1915, lei abbia dovuto vendere la tenuta di famiglia ereditata dai genitori e che era collegata con la famiglia De Girardi. Non sapendo dove potesse essere questa tenuta, come posso rintracciarla' Forse da lì potrei capire qualcosa in pi§?
Grazie infinite a tutti.
Solange
Go to Top of Page

ScriptaVana
Amministratore

3080 Posts

Posted - 04/10/2008 :  10:22:29  Show Profile
quote:
Sono riuscita a risalire al mio trinonno Agostino Boscaro il quale sò dal foglio matricolare essere nato a Correzzola (PD) e sò anche l'anno giusto. Ho contattato tutte le parrocchie del posto ma in nessuna risulta la sua nascita. Com'è possibile?

Tu hai potuto verificare che le serie dei registri battesimali siano integre?
Non è raro che uno o più registri vengano perduti o distrutti.

Un'altra cosa che dovresti controllare è che non vi siano stati versamenti all'archivio diocesano: basta accertare la datazione del primo registro ancora presente nell'archivio parrocchiale.

quote:
Secondo voi quanto dovrò girare per trovare dove è il collegamento con i Girardi o De Girardi?

Un par di vite dovrebbero bastare.
Se hai fortuna.
[FCDF]

quote:
Un' altra domanda: come posso risalire ai possedimenti della mia bisnonna? Si racconta che alla morte del marito, nel 1915, lei abbia dovuto vendere la tenuta di famiglia ereditata dai genitori e che era collegata con la famiglia De Girardi. Non sapendo dove potesse essere questa tenuta, come posso rintracciarla' Forse da lì potrei capire qualcosa in pi§?


Qui è un po' più spinosa.
Due strumenti: mappe catastali e archivi notarili dove potrebbe (dovrebbe) essere conservato l'atto di vendita.
In entrambi i casi dovrai procedere pressoché a tappeto in mancanza di elementi che possano orientare la tua ricerca, ovviamente partendo dalle aree prossime alla residenza fisica della bisnonna.
Per gli atti notarili dovrai rivolgerti all'Archivio di Stato competente per territorio (Padova).
I registri dei fondi notarili dovrebbero anche indicare il luogo in cui il notaio ha esercitato, ovvio in questo caso che inizierai a controllare i notai operanti nello stesso luogo di residenza della tua antenata.

BV
Go to Top of Page

solange
Ospite

Italy
13 Posts

Posted - 11/10/2008 :  11:53:09  Show Profile
ciao a tutti, sto cercando di districarmi con i vostri consigli ed appena avrò qualche nuova info ve la farò subito sapere. Non ho potutto vedere personalemnte i registri e quindi non sò se sono integri perchè il parroco, gran brav'uomo, mi ha rifiutato l'idea di entrare e rovistare i suoi registri per scopi, a suo dire, inutili, ed ha controllato lui personalmente nella sua parrocchia con risultato negativo. nelle altre quattro mi hanno detto di non averlo trovato. Ho chiesto gentilmente di ricontrollare e sono in attesa di vedere la nuova risposta che poi vi comunicherò.Riguardo al signore che dice di discendere dai de Girardi sarei contentissima di averne l'indirizzo per potergli parlare e, chissà, forse scoprire qualcosa di più sui miei avi e che forse siamo addirittura parenti. Ma ora vi dirò un altra cosa strana sulla quale sto riflettendo. La mia ormai famosa bisnonna aveva una sorella di nome Lomellina. Non vi sembra un po' strano come nome? Già la bisnonna aveva quattro nomi di battesimo un po' strani, ma Lomellina li batte tutti e mi chiedo se non c'entri qualcosa con la ascendenza. Voi che dite?
Un abbraccio forte a tutti voi e grazie dei consigli.
Solange
Go to Top of Page

ScriptaVana
Amministratore

3080 Posts

Posted - 11/10/2008 :  12:58:30  Show Profile
«Per gli archivi della Chiesa cattolica o di altre confessioni religiose l’autorizzazione deve essere richiesta direttamente ai rispettivi responsabili (si ricordi che nelle diocesi cattoliche l’ufficio Cultura svolge di solito funzioni analoghe a quelle della Soprintendenza archivistica nei confronti degli archivi delle parrocchie e di altri Enti ecclesiastici). L’intervento della Soprintendenza può essere richiesto in caso di difficoltà opposte alla consultazione
Norme sulla consultabilità dei documenti
(artt. 122-127 del D. Lgs. 42/2004, “Codice dei beni culturali e del paesaggio”)
http://www.archivi.beniculturali.it/SAVE/Consultabilita.asp

Pertanto se il parroco oppone resistenza tocca rivolgersi alla Curia.
Il che finisce sempre per comportare, nel migliore dei casi, una resistenza “passiva” da parte del titolare dell’archivio (nel caso: il parroco riottoso).

Consiglio spassionato: a meno non si tratti di Archivi di Stato, sulle ragioni della ricerca inventati una tesina per esame universitario (attenzione che potrebbe essere richiesta l’esibizione di una lettera di presentazione da parte di un docente), una rivendicazione di titoli patrimoniali e simili; non sempre le ricerche genealogiche vengono considerate motivo necessario e sufficiente.

Sulla singolarità del nome “Lomellina” non so aiutarti: se fosse un patronimico o un matronimico si potrebbe pensare ad un toponimico, che tradotto significa che se fosse parte del cognome di uno dei genitori potrebbe far pensare ad una specifica provenienza geografica, in questo caso lombarda.

BV
Go to Top of Page

solange
Ospite

Italy
13 Posts

Posted - 01/12/2008 :  11:51:33  Show Profile
ciao ragazzi, ho ottenuto l'atto di battesimo del mio trisnonno dal parroco non collaborante, ma sopra non vi è riportato nè la provenienza dei genitori nè quanti anni avevano all'atto. poi ho anche avuto un atto di matrimonio dove il mio trisnonno risulterebbe sposato con uan donna che non è la mai trisnonna all'età di 6 anni...per quest'atto credo ci sia un errore. come mi muovo ora visto che non ho una data per trovare i genitori e nemmeno un posto? consigliatemi, per piacere...
per l'amico Mendoza: ho mandato uan lettera al famoso Girardi di cui mi parlavi, sono in attesa di uan risposta, ma ancora non è arrivata. Appena mi risponderà te lo farò sapere.
Grazie a tutti
Go to Top of Page

ScriptaVana
Amministratore

3080 Posts

Posted - 01/12/2008 :  20:12:13  Show Profile
quote:
Originally posted by solange

... ho ottenuto l'atto ... dal parroco non collaborante


che suppongo ora ti ricordi volentieri nelle sue preghiere ...

L'apparente negatività della assenza di un luogo di provenienza potrebbe essere in realtà una indicazione in positivo: di solito, anche se non è una regola, si indica la località di provenienza dei "foresti", pertanto è probabile che i genitori del trisnonno appartenessero a quella stessa parrocchia dove è stato registrato il battesimo.

Ovviamente attenzione ad eventuali omonimi: questo per non supporre subito un errore di trascrizione della documentazione.

Dunque: per trovare il luogo può valere in prima istanza l'ipotesi sopra enunciata.
Per trovare la data: se è valida l'ipotesi di cui sopra, oppure a sua smentita, ti toccherà coltivare il parroco riottoso (ahi, ahi: hai provato a farti notare mentre versi sostanziose limosine nelle relative cassette?)

Mi spiego (spero): occorre visionare a ritroso tutti i registri di matrimonio e nascita della parrocchia, e/o delle parrocchie esistenti nel distretto, a partire dalla data del battesimo del trisnonno; quindi rilevare tuttte le occorrenze dei nomi corrispondenti a quelli dei genitori; poi procedere per esclusione e per congettura: ad esempio valutare l'età media nuziale della popolazione nel secolo x e procedere per approssimazione.

Preciso che questa è una procedura semplificata.

Sarebbe comunque utile se tu riuscissi a produrre in questa sede (o rivolgendoti direttamente a quanti in questo forum ti paiano referenti più adatti) uno schema della ricostruzione delle ascendenze da te accertate, soprattutto sarebbe utile sapere a quale anno sei riuscita a risalire.
Ovviamente schema senza nomi precisi, se credi.
Tutto ciò per suggerirti eventualmente possibili linee di ricerca su fondi archivistici.

Valgono comunque i precedenti suggerimenti: catasto, ruolini matricolari (che se ho ben inteso hai già visionato).

BV
Go to Top of Page

solange
Ospite

Italy
13 Posts

Posted - 04/12/2008 :  12:27:49  Show Profile
hai sempre grandi consigli, ti ringrazio. anche i folgi matricolari sono ormai difficli da trovare perchè partono come esercito dal 1871 come gli stati civili, e sto facendo fatica a reperirli, come proprio tramite il folgio matricolare ho appurato il luogo di nascita del trisnonno e la data, ma non posso farlo per il quadrisnonno (si dice così?..)perchè non ho la classe. cercherò dunque di ingraziarmi il parroco, che più che nelle sue preghiere mi mettera nelle sue maledizioni, per poter scartabellare una 30 di anni di matrimoni...e meno male che la dici semplice:-)
la genealogia per consigliarmi la faccio subito partendo da me:
SOLANGE - FULVIA BORTOLINI NATA A ORVIETO NEL '43 - ROLANDO BORTOLINI NATO A PADOVA NEL 1906 E SPOSATO CON CAMILLA ROLLERI- ALEARDO BORTOLINI NATO A DOLO NEL 1869 E SPOSATO CON IDA BOSCARO - ANTONIO BORTOLINI? e questa è quella dalla parte del nonno materno.
SOLANGE - FULVIA BORTOLINI - ROLANDO BORTOLINI - IDA BOSCARO NATA A POLESELLA NEL 1871 (lei è quella nobile De Girardi)- AGOSTINO BOSCARO NATO A CORREZZOLA NEL 1849 E SPOSATO CON MARIANGELA CAMPANATI - ANTONIO BOSCARO E NARDO MARIA? questa è la linea del nonno dalal parte materna.
ora consigliatemi voi, grazieeee.
ciao a tutti ed in particolare a Scriptvania che è sempre prontissimo a darmi mille suggerimenti.
Solange
Go to Top of Page

solange
Ospite

Italy
13 Posts

Posted - 06/12/2008 :  08:29:27  Show Profile
ciao Scriptavana, rileggendo i tuoi consigli mi sonoa ccorta di uan cosa: io ho cercato i folgi matricolari, ma non ho cercato ancora nulla al catasto perchè non sò cosa chiedere...domando semplicementi se risultano possedimenti intestati al mio trisnonno per esempio dal periodo tale al periodo tale?e dove mi rivolgo? al catasto o sempre all'archivio di stato?
grazie delle delucidazioni, sei veramente un angelo:-)
a presto
Solange
Go to Top of Page

solange
Ospite

Italy
13 Posts

Posted - 06/12/2008 :  08:36:34  Show Profile
ciao ragazzi, oggi le idee mi vanno a cubetti, perdonatemi. mi è sovveenuto che quando ho domandato all'archivio di stato per sapere se la mia bisnonan aveva dei possedimenti che sono stati vendutio intorno al 1915, mi è stato risposto che non potevano dirmi nulla a meno che io non sapessi il nome del notaio...come scovo il nome del notaio se non sò nemmeno dove può aver fatto l'anno ed in che anno preciso? ma soprattutto dove trovo, anche poi per riuscire a continuare con avi ancora più antichi, se ne trovo, dove scovo, su quale libro o sito, i nomi dei notai di uan certa zona che sò dal 1500 al 1900?
aspetto vostri suggerimenti
bacioni e buon week end.
Solange
Go to Top of Page

ScriptaVana
Amministratore

3080 Posts

Posted - 06/12/2008 :  10:47:01  Show Profile
quote:
Originally posted by solange


grazie delle delucidazioni, sei veramente un angelo:-)


Ah hem.
Imbarazzo.
Se pure lo fossi sarei comunque tra quelli tonfati giù un po’ di tempo fa con il collega … come si chiamava …
Lucibello!
(Chissà che fine ha fatto)

In ogni caso grazie per l’apprezzamento che rivolgi al lavoro del forum.

Partiamo dal “semplice”: archivi notarili.
La ricerca è quasi sempre simile a quella dell’ago nel proverbiale pagliaio, poiché gli archivi notarili raccolgono tutta la documentazione, il che significa mediamente migliaia di documenti assolutamente impermeabili a chi non abbia a disposizione almeno uno di questi due elementi. Il nome del notaio (ovvio), oppure i nomi delle parti.

Per quest’ultimo elemento a volte si danno possibilità di ricerca e individuazioni a priori, ovvero senza passare anni a scartabellare tra le carte.

Così l’Archivio di Stato di Rovigo (la versione in pdf la puoi consultare qui http://www.maas.ccr.it/h3/h3.exe/aguida/findex_pr)

«Nella seconda metà del sec. XVIII le carte furono riordinate ad opera di Gaspare
Locatelli e Antonio Maria Manfredini, i quali ne redassero pure un inventario.
Nel sec, X1X vennero poi compilati 156 volumi di indici delle parti contraenti ancor oggi prezioso ausilio per lo studioso.

Altri mezzi di corredo, oltre a quelli menzionati alle singole voci, sono: un indice dei testamenti depositati dal 1808 al 1878 e un «prontuario dell’indice generale dall’anno 1379 all’anno 1854» [Guida generale agli Archivi di Stato, p 1291]

Pertanto se ti presenterai all’Archivio di Rovigo potrai direttamente consultare l’inventario, rilevare tutti i nomi che potrebbero corrispondere al tuo interesse, individuare il notaio e procedere quindi alla lettura dell’atto accertando l’eventuale identificazione del tuo avo.

Ovviamente i documenti notarili si conservano in ordine di data: non conosco i repertori di cui sopra, ma potrebbe darsi che vengano indicati anche gli estremi cronologici degli atti.
In questo caso si potrai andare quasi a colpo sicuro.

Altra risorsa importante sempre nell’Archivio di Rovigo
«STATO CIVILE Atti de11o stato civi1e napo1eonico , bb. 98 e ~011. 287 con indici (1806- 18 15). Inventario sommario 1972.

Come in tutto il regno d’Italia, col. 1806 si diede inizio alla tenuta dei registri di stato
civile presso i comuni del territorio di Rovigo. In seguito alle devastazioni operate dai «briganti politici», molti registri andarono però manomessi o distrutti; fu necessario perciò istituire un commissario incaricato di riordinare e ricostruire quelli lacunosi
o mancanti.

I volumi contengo gli atti di stato civile veri e propri. Nelle buste sono contenuti,di massima, i documenti relativi ai matrimoni e gli «elenchi di surrogazione» dei nati, morti e matrimoni.» [p. 1294, nella guida trovi anche l’elenco dei comuni per i quali sono conservati i registri]

Stesso ragionamento e opzioni di ricerca per i catasti napoleonico e austriaco: esiste l’elenco dei comuni censiti [pp. 1293-1294].

Per i fogli matricolari antecedenti l’unità devi rivolgerti invece all’Archivio di Stato di Padova, dove trovi

«Coscrizione militare , bb. e regg. 172 (1806 - 1856).
Comprende atti relativi alle leve disposte sotto i regimi napoleonico e austriaco e commissione provinciale austriaca), registri di iscrizione primitiva, liste di classificazione, stati parrocchiali (liste annuali dei nati in ciascuna parrocchia predisposte per la leva).» [pp. 247-248]

Come vedi trovi praticamente la duplicazione dei registri parrocchiali per le nascite.
Alla faccia del parroco riottoso.

Buona cerca.

BV
Go to Top of Page

MVC
Nuovo Abitante

Italy
111 Posts

Posted - 07/12/2008 :  02:37:20  Show Profile
ehm vorrei elevare un plauso a scriptavana che sta dando ottimi e accurati consigli, mostrando una competenza in materia archivistica non indifferente. gran bel forum questo. no?
Go to Top of Page

ScriptaVana
Amministratore

3080 Posts

Posted - 07/12/2008 :  15:34:37  Show Profile
Grazie 'lustrissimo.
(ho già scritto di essere estremamente vanitoso?)
BV
Go to Top of Page
Page: of 2 Previous Topic Topic Next Topic  
Next Page
 Forum Bloccato  Discussione Bloccata
 Stampa
Vai A:
VILLAGGIO MEDIEVALE © VILLAGGIO MEDIEVALE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Forum Medioevo , Arte e Architettura Medievale, Ricostruzione Storica, Medioevo Italiano, Araldica Medievale, Turismo medievale