VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Iscritti | Ricerca | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 FORUM VILLAGGIO MEDIEVALE
 RIEVOCAZIONE STORICA
 QUESTO L'HO FATTO IO
 Fratello Cavaliere Ospitaliere in armi [indice 02.4.4]
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 3

Frater SINISTER
Nuovo Abitante

Italy
208 Posts

Posted - 20/04/2009 :  20:53:42  Show Profile  Visit Frater SINISTER's Homepage  Reply with Quote
Bene... ieri Gianfilippo della Compagnia del Fiore d'Argento, mi ha consegnato l'ultimo pezzo che avevo commissionato a un suo conoscente: il fodero e la cinta a lingua di drago per la mia spada, mentre lo scudo e la pittura dell'elmo sono opera di Francesco (utente del forum)....

Percui il mio Fratello Cavaliere Ospitaliere del XII secolo (1170-1187) è da considerarsi quasi completo... debbo ancora collocare la punta di lancia su un'asta e perfezionare il camaglio e la cotta di maglia ad anelli rivettati tondi (8mm), ridimensionando il camaglio e includendovi una ventaglia... inizialmente era mia intenzione unire lo stesso camaglio all'usbergo... ma per ora credo che approfitterò della cappa occultatrice e indosserò unicamente il camaglio...

Ecco alcune immagini:






A partire dalla prossima settimana mi recherò in piscina, per fortificare la muscolatura della schiena (ho provato la cotta di maglia e NON è stato divertente, debbo ricordarmi di stringere la cotta sotto la cappa con una ulteriore cintura, per distribuire in parte il peso alle gambe) attraverso il classico stile libero... Inoltre inizierò ad intraprendere un corso di schirma medievale, che per mia fortuna è disponibile da gennaio, presso il Circolo Schermistico di Cuneo (Piemonte). Comodamente raggiungibile in treno.
Riallaccerò i contatti con i gruppi locali di rievocazione storica e (magari più tardi) prenderò in considerazione anche dei corsi di equitazione all'americana, avendo vari maneggi disponibili nei dintorni...

Ecco alcune fonti iconografiche per l'elmo italo-normanno e la sua araldica:

Assassinio di Becket, affresco della Chiesa di San Giovanni e Paolo, Spoleto. Tardo XII secolo

Hunterian Psalter del XII sec (suggeritomi da Baselardo, che ringrazio)



ivan
Nuovo Abitante

France
184 Posts

Posted - 20/04/2009 :  23:11:12  Show Profile  Visit ivan's Homepage  Reply with Quote
Splendido lavoro. Non avevo mai notato la croce sull'elmo nel Hunterian Psalter. Per stringere la maglia è distribuire il peso, si possono utilizzare (ed è storicamente corretto) lacci di cuoio intorno al braccio o le ginocchia, per esempio. Il camaglio separato è anche attestato in fonti Italiane di fine XII (mi vengono in mente gli avorii di Salerno).
Go to Top of Page

baselardo
Ospite

64 Posts

Posted - 20/04/2009 :  23:47:06  Show Profile  Reply with Quote
Faccio i complimenti al fratello cavaliere; ricostruire correttamente un buon equipaggiamento fine XII non è una cosa semplice ... ce ne fossero!
Go to Top of Page

Frater SINISTER
Nuovo Abitante

Italy
208 Posts

Posted - 21/04/2009 :  01:19:45  Show Profile  Visit Frater SINISTER's Homepage  Reply with Quote
Vi ringrazio.
Sono effettivamente soddisfatto.
Ricordo quando, quasi per capriccio, ad Agosto cominciai a risultare motivato nei confronti di una ricostruzione di un fratello cavaliere Ospitaliere del XII secolo. Inizialmente avevo una visione del tutto approssimativa, tuttavia con il tempo e la pazienza ho potuto valutare con maggiore attenzione come avrei dovuto affrontare tale ricostruzione... Il merito ovviamente non è mio, ma è di coloro a cui ho commissionato ogni dettaglio necessario a rendere reale tale cavaliere e, soprattutto, di coloro che hanno avuto la pazienza e gentilezza nel rispondere ai miei (spesso banali) quesiti, permettendomi di perfezionare le mie ricerche. Gli aiuti più preziosi mi sono pervenuti dai seguenti gruppi francesi, i quali hanno affrontato il dilemma della ricostruzione dei Fratelli Cavalieri in armi dell'Ordine Ospitaliere con grande serietà e approfondite ricerche:

http://www.1186-583.org/
(tra l'altro uno degli Ospitalieri è membro del tuo gruppo, Ivan )
http://www.guerriersma.com/

Indubbiamente, con il tempo, potrei scoprire di aver commesso degli errori, che verranno corretti... ma cmq sia il risultato ottenuto è rispettabile... Ciò che volevo assolutamente evitare, era di essere confuso per un cavaliere ospitaliere dozzinale e approssimativo, frutto di scelte sbrigative e prive di qualunque elementare approfondimento...

Ivan, hai un riferimento, illustrazione o foto da cui potrei trarre ispirazione per il taglio del camaglio separato?


Edited by - Frater SINISTER on 21/04/2009 01:38:04
Go to Top of Page

ivan
Nuovo Abitante

France
184 Posts

Posted - 21/04/2009 :  17:53:39  Show Profile  Visit ivan's Homepage  Reply with Quote
Credo che David Nicolle parli del camaglio in "Italian Medieval Armies 1000-1300" (Osprey)

In ogni modo, ecco un camaglio separato su una scultura nella Cattedrale di Angoulême (c. 1100)

http://www.angelfire.com/empire/egfroth/CoifPic1.jpg

C'è anche un topic qui: http://guerriers-du-moyen-age.aceboard.fr/12392-1983-20026-0-Camail-separe-XIIIe-ROND.htm

Edited by - ivan on 21/04/2009 18:11:03
Go to Top of Page

Frater SINISTER
Nuovo Abitante

Italy
208 Posts

Posted - 21/04/2009 :  18:18:50  Show Profile  Visit Frater SINISTER's Homepage  Reply with Quote
quote:
Originally posted by ivan

Credo che David Nicolle parli del camaglio in "Italian Medieval Armies 1000-1300" (Osprey)

In ogni modo, ecco un camaglio separato su una scultura nella Cattedrale di Angoulême (c. 1100)

http://www.angelfire.com/empire/egfroth/CoifPic1.jpg

C'è anche un topic qui: http://guerriers-du-moyen-age.aceboard.fr/12392-1983-20026-0-Camail-separe-XIIIe-ROND.htm



Ach... l'immagine non è visibile, in ogni caso credo di aver trovato la foto del camaglio separato di cui hai accennato, è presente nel topic francese nevvero?

Edited by - Frater SINISTER on 21/04/2009 18:36:57
Go to Top of Page

Frater SINISTER
Nuovo Abitante

Italy
208 Posts

Posted - 22/04/2009 :  10:26:29  Show Profile  Visit Frater SINISTER's Homepage  Reply with Quote
Altre immagini:


Dettaglio della parte inferiore del corpo.


Dettaglio della Croce Greca Bianca collocata sulla cappa.

Go to Top of Page

Roberto
Ospite

60 Posts

Posted - 23/04/2009 :  17:22:56  Show Profile  Send Roberto an ICQ Message  Reply with Quote
Saluto Fratello Sinistro
Go to Top of Page

Frater SINISTER
Nuovo Abitante

Italy
208 Posts

Posted - 23/04/2009 :  17:40:58  Show Profile  Visit Frater SINISTER's Homepage  Reply with Quote
Salute a te Roberto.
Vedo che sei giunto anche qui.
Che tu sia dunque il benvenuto, eventualmente offri una tua presentazione nella sezione apposita.

Edited by - Frater SINISTER on 23/04/2009 17:41:17
Go to Top of Page

Frater SINISTER
Nuovo Abitante

Italy
208 Posts

Posted - 24/04/2009 :  10:18:24  Show Profile  Visit Frater SINISTER's Homepage  Reply with Quote
Includo alcune precisazioni sulle fonti che mi hanno agevolato nella mia scelta definitiva di includere la cappa monastica sopra l'usbergo (esiste una scuola di pensiero che avanza una ipotesi alternativa).

Come ho già detto in numerose occasioni, ho usufruito delle ricerche e dei consigli di un serio gruppo francese per la mia ricostruzione:
http://www.1186-583.org/rubrique.php3?id_rubrique=28
Mi sono poi rivolto a un noto rivenditore italiano che realizza riproduzioni di abiti medievali di buon (se non di più) livello. Egli mi ha saputo confermare lo stile e il design della cappa monastica con cappuccio, mantello senza cappuccio e croci greche di colore bianco a due pezzi... Tuttavia non aveva molte informazioni da potermi offrire in merito agli Ospitalieri.

Ho dovuto percui affidarmi alle fonti iconografiche raccolte da "Per Braz" & "Callixte", i ricostruttori francesi di cui ho accennato (prego visionare il collegamento sopra illustrato).


In codesta immagine potete notare la cappa con cappuccio e il mantello senza di esso. Sono Templari, tuttavia lo stile è riconducibile anche agli Ospitalieri, con le opportune differenze di colore e collocazione della croce.
Vi sono cmq alcune fonti ove il cappuccio non è presente.

Avevo anche il dilemma concernente l'utilizzo pratico della cappa sopra l'usbergo. Alcuni sostengono che non venisse impiegata. tuttavia secondo i testi del periodo gli ordini militari avevano l'obbligo di vestire la croce, indossando abiti monastici... solo a partire dalla metà del XIII secolo venne consentito dal Papa l'utilizzo di una più comoda sopravveste, ma unicamente in combattimento e a determinate condizioni.
Alcuni mesi or sono notai inoltre una preziosa fonte iconografica, presente nel volume della Osprey "Knight of Outremer" (pagina 9). Una foto di un affresco della Chiesa Templare di Cressac, nella Francia Occidentale (fine XII secolo), ove possiamo vedere alcuni crociati o templari indossare una lunga cappa sopra l'armatura la quale copre anche le braccia, tuttavia senza cappuccio (anche se mi pare di intuire che non indossino l'usbergo e neanche il camaglio, ma unicamente il gambeson e una specie di infula o cappuccio aderente).
Con la tipica croce nel lato sinistro del petto.

Ecco l'immagine:


una ulteriore immagine ove invece è mostrato un cavaliere che indossa una lunga sopravveste bianca:


Naturalmente sono tutte supposizioni. Il gruppo "les guerrier du moyen age", ad esempio, ha creato una versione di un fratello cavaliere in armi la quale non indossa la cappa sopra l'usbergo, ma unicamente il mantello nero senza cappuccio e con croce greca bianca e lo scudo è di colore rosso, con una croce latina bianca.
Go to Top of Page

Bartolo
Amministratore

Italy
2911 Posts

Posted - 24/04/2009 :  14:25:27  Show Profile  Visit Bartolo's Homepage  Click to see Bartolo's MSN Messenger address  Reply with Quote
Ottimo lavoro, FRATER SINISTER! Molto raramente ho visto in Italia ricostruzioni così realistiche sull'abbigliamento dell'Alto Medioevo: non sono un cultore del tuo periodo, e la mia conoscenza in materia di abiti è limitata, ma mi sembrano davvero molto ben tagliati.

Per l'elmo conico a controcurva: apprezzabile il tentativo di ricreare un esemplare dipinto e con l'inclusione di un riporto decorativo dorato (a proposito: di che materiale si tratta? ottone, bronzo dorato o placcatura?).

Un solo appunto: mi inganna la foto, oppure il coppo reca visibile la linea di mezzeria di due "valve" unite per saldatura? In ogni caso, ancora tanti complimenti, soprattutto per il lavoro di documentazione e ricerca che ha fatto da "substrato" alle repliche: un bell'esempio per tutti i ricostruttori, anche NON del XII secolo!

Go to Top of Page

Frater SINISTER
Nuovo Abitante

Italy
208 Posts

Posted - 24/04/2009 :  15:24:46  Show Profile  Visit Frater SINISTER's Homepage  Reply with Quote
quote:
Originally posted by Bartolo

Ottimo lavoro, FRATER SINISTER! Molto raramente ho visto in Italia ricostruzioni così realistiche sull'abbigliamento dell'Alto Medioevo: non sono un cultore del tuo periodo, e la mia conoscenza in materia di abiti è limitata, ma mi sembrano davvero molto ben tagliati.

Per l'elmo conico a controcurva: apprezzabile il tentativo di ricreare un esemplare dipinto e con l'inclusione di un riporto decorativo dorato (a proposito: di che materiale si tratta? ottone, bronzo dorato o placcatura?).

Un solo appunto: mi inganna la foto, oppure il coppo reca visibile la linea di mezzeria di due "valve" unite per saldatura? In ogni caso, ancora tanti complimenti, soprattutto per il lavoro di documentazione e ricerca che ha fatto da "substrato" alle repliche: un bell'esempio per tutti i ricostruttori, anche NON del XII secolo!





Ti ringrazio Bartolo.
E' un privilegio ricevere un tale riconoscimento da un serio rievocatore che ha commissionato una splendida (e giustamente costosa) armatura composita italiana del XV secolo

Tengo a precisare che le cuciture visibili degli abiti sono rigorosamente cucite a mano... le cuciture non visibili sono ovviamente a macchina (altrimenti la spesa sarebbe raddoppiata e mi pare un licenza accettabile dopotutto)... questo include ogni singolo pezzo, dalle brache al mantello...

La bordatura dovrebbe risultare in ottone, l'ho lasciata perchè mi è stato consigliato da Francesco (utente del forum), inoltre la fonte iconografica fornitami da Baselardo (Hunterian Psalter del XII sec) che mostra un elmo frigio dipinto di nero, con croce bianca al centro e nasale in ottone... mi ha ispirato. Ho commissionato la pittura della maschera poichè in base a diverse fonti è accertato che risultassero occasionalmente dipinte... ho scelto il bianco (o meglio l'avorio, suggeritomi da Francesco) per una questione di estetica, una intuizione forse azzardata... ma credo verosimile...

Ecco una fonte iconografica di un nasale allungato precursore della maschera, dipinto:

Golia, Bourg en Bresse, 1185 Francia


L'elmo è una produzione "industriale", diciamo un "prototipo" accettabile... infatti se lo riterrò opportuno prenderò in considerazione un'altro paio di versioni (decisamente più costose) che cercano di interpretare correttamente la fonte iconografica di Spoleto... tuttavia tali versioni non dispongono di una bordatura in ottone... e dopotutto sono altrettato verosimili quanto la mia attuale versione, considerando che non è sopravvissuto alcun elmo reale di tale fattura...

Per quanto concerne l'ipotetica saldatura del coppo... onestamente non ne ho idea , non mi intendo di forgiatura e sul momento mi interessava unicamente di rispettare lo stile e la forma dell'elmo italo-normanno con maschera di cui abbisognavo... tuttavia mi pare sia un blocco unico, non saldato, a cui è stata aggiunta la bordatura d'ottone rivettata e la maschera...

Edited by - Frater SINISTER on 24/04/2009 16:05:58
Go to Top of Page

Frederick
Ospite

Italy
21 Posts

Posted - 24/04/2009 :  22:16:47  Show Profile  Click to see Frederick's MSN Messenger address  Reply with Quote
Complimenti, davvero ottimo.

Colgo l'occasione per fare un mea culpa infatti l'artefice dello scudo e della pittura dell'elmo sono io
La scelta del bianco avorio è dovuta al fatto che sarebbe poi stato sporcato per renderlo più "vissuto" e da alcune prove abbiamo notato (insieme a Baselardo, che ringrazio per il supporto fisico, tecnico e morale ) che il bianco titanio o comunque un bianco pulitissimo avrebbe reso l'effetto poco credebile.

Per il coppo dell'elmo non saprei dirvi se è saldato o meno, ma qualche dubbio sul materiale della striscia che lo circonda mi è venuto...non so se è effettivamente ottone, qualcosa nei riflessi che ha non mi quadra molto, ma rimane sempre un ottima base di partenza (come appunto diceva frater )

Quindi di nuovo complimenti, lieto di essere stato utile ^_^
Go to Top of Page

Frater SINISTER
Nuovo Abitante

Italy
208 Posts

Posted - 24/04/2009 :  22:32:45  Show Profile  Visit Frater SINISTER's Homepage  Reply with Quote
quote:
Originally posted by Frederick

Complimenti, davvero ottimo.

Colgo l'occasione per fare un mea culpa infatti l'artefice dello scudo e della pittura dell'elmo sono io
La scelta del bianco avorio è dovuta al fatto che sarebbe poi stato sporcato per renderlo più "vissuto" e da alcune prove abbiamo notato (insieme a Baselardo, che ringrazio per il supporto fisico, tecnico e morale ) che il bianco titanio o comunque un bianco pulitissimo avrebbe reso l'effetto poco credebile.

Per il coppo dell'elmo non saprei dirvi se è saldato o meno, ma qualche dubbio sul materiale della striscia che lo circonda mi è venuto...non so se è effettivamente ottone, qualcosa nei riflessi che ha non mi quadra molto, ma rimane sempre un ottima base di partenza (come appunto diceva frater )

Quindi di nuovo complimenti, lieto di essere stato utile ^_^



Ti ringrazio ancora per il tuo prezioso contributo.
Hai reso possibile ciò che auspicavo nella mia ricostruzione

Edited by - Frater SINISTER on 24/04/2009 22:33:16
Go to Top of Page

Frater SINISTER
Nuovo Abitante

Italy
208 Posts

Posted - 28/06/2010 :  15:24:09  Show Profile  Visit Frater SINISTER's Homepage  Reply with Quote
Ho infine incluso alcuni significativi aggiornamenti al mio Fratello Ospitaliere del XII secolo (circa 1185-1206), in continua evoluzione.

Ho innanzitutto incluso dei gheroni alla tunica in lino grezzo.
Sebbene a mio giudizio la tunica risulti ancora troppo corta, percui sto prendendo in considerazione di commissionarne una sostitutiva, la cui lunghezza consenta di lasciare visibili unicamente i piedi.

Ho eliminato l'elmo italo-normanno con maschera, poichè insoddisfacente... esso risultava infatti una semplice produzione industriale, che sebbene solida, non offriva una ricostruzione affidabile. A lungo ho riflettuto su quale elmo sostitutivo adottare, senza mai risultare soddisfatto dell'alternativa. Infine ho avuto la fortuna di notare una interessante fonte iconografica, presente in un manoscritto spagnolo risalente al 1185, in cui è mostrato un cavaliere che indossa un elmo semplice ma efficace:



ho dunque commissionato tale elmo ad un artigiano italiano ed il risultato mi ha soddisfatto. Ecco le immagini:





Mi sono inoltre liberato del vecchio fodero in cuoio, sostituendolo con una versione più verosimile con anima in legno (sempre opera di un artigiano italiano):



Il nuovo camaglio (ad anelli in ferro tondi 8mm rivettati) che ho acquisito dispone anche di una ventaglia (quello vecchio è stato modificato, rendendolo integrale e incluso alla mia ricostruzione di balestriere)

Ho infine acquisito una lancia, a cui includerò una bandiera con tre code dell'Ordine dell'Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme. Una semplice croce greca bianca con sfondo rosso.

Molto probabilmente dipingerò il nuovo elmo, seguendo il medesimo schema già sperimentato per il precedene. L'unica differenza è che la striscia in ferro rivettata verrà anch'essa dipinta di colore bianco.

Ecco alcune immagini dell'ospitaliere aggiornato, sono in compagnia di un altro aspirante ospitaliere (il quale necessita ovviamente di alcuni perfezionamenti):






Edited by - Frater SINISTER on 28/06/2010 18:35:35
Go to Top of Page

carla
Amministratore

2182 Posts

Posted - 29/06/2010 :  00:22:31  Show Profile  Visit carla's Homepage  Reply with Quote
Bello. Personalmente però gheronizzerei anche la sopravveste nera: se guardi ad esempio le miniature della maciejovski, persino gli armati inginocchiati nella posizione dell'arciere - ovvero con un ginocchio su che tiene estesa la sopravveste - hanno spacchi quasi completamente chiusi, il che dà un'idea dell'ampiezza effettiva di tali capi di abbigliamento; altra osservazione, spesso gli spacchi negli armati in piedi hanno lembi o punte che tendono addirittura a sovrapporsi, anziché distanziarsi lasciando vedere il sotto.
Secondo me è talmente il "modo di strutturare le vesti" dell'epoca, che i miniatori lo riproducevano senza nemmeno pensarci.... d'altra parte, i reperti concordano su questo punto. Vere e proprie tuniche, al d fuori dell'ambito ecclesiastico, non so se ce ne siano di conservate dopo il tardoantico.
Go to Top of Page
Page: of 3 Previous Topic Topic Next Topic  
Next Page
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Vai A:
VILLAGGIO MEDIEVALE © VILLAGGIO MEDIEVALE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Forum Medioevo , Arte e Architettura Medievale, Ricostruzione Storica, Medioevo Italiano, Araldica Medievale, Turismo medievale