VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Iscritti | Ricerca | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 FORUM VILLAGGIO MEDIEVALE
 SCRITTURA E MINIATURA
 SCRITTURA E MINIATURA
 Strumenti scrittoî: carta, le filigrane
 Forum Bloccato
 Stampa
Author Previous Topic Topic Next Topic  

ScriptaVana
Amministratore

3080 Posts

Posted - 08/08/2007 :  22:23:13  Show Profile
Prendo spunto dalla discussione avviata da Jorge da Burgos in
http://www.villaggiomedievale.com/forum/topic.asp?TOPIC_ID=643

La filigrana è un elemento essenziale nella produzione della carta, essenzialmente corrisponde al marchio identificativo del produttore.

Semplificando all’estremo.
La pasta di stracci (massimamente di lino o canapa per il Mediovo, almeno fino alla affermazione del cotone, per quest'ultimo sarebbe da analizzare l'incidenza come prodotto destinato alla confezione di capi di abbigliamento essendo la produzione di carta un sottoprodotto della produzione tessile, in altri termini non si coltivano fibre destinate primariamente alla produzione cartaria) viene stesa su di un telaio formato da una trama e un ordito; su questo canovaccio, sempre a filo, veniva tracciato un simbolo grafico che identificava come marchio la bottega di produzione: la filigrana.

In alcune carte “artigianali” contemporanee la traccia dell’ordito è volutamente visibile: si parla di “vergellatura”; chi volesse impiegare della carta in un contesto di rievocazione dovrebbe badare che questo elemento non sia presente, poiché la carta medioevale ne è priva per le caratteristiche intrinseche dello spessore [da emendare: se è visibile la filigrana lo è parimenti la vergellatura, ça va sans dire].

Al contrario si dovrà fare attenzione circa la presenza di filigrane, in particolare al loro aspetto.

La filigrana medioevale non riporta mai per esteso il nome o la località di produzione, ne consegue che carte di produzione contemporanea, sia pure di straccio, che rechino in caratteri evidenti il nome del produttore (esempio: FA***ANO - corretto spot pubblicitario), non possono essere utilizzate in un contesto di ricostruzione.
Salvo ricavare lacerti ritagliando la carta intorno al marchio.

Esistono diversi repertori di filigrane, il più celebre è
CHARLES MOÏSE BRIQUET, Les filigranes. Dictionaire historique des marques du papier dès leur apparition vers 1282 jusqu’en 1600, Genève 1907, ristampa Allan, Amsterdam 1968.

Il repertorio riproduce circa 16000 filigrane definendone localizzazione e cronologia divenendo quindi uno strumento essenziale per la datazione dei documenti, in assenza di indicazioni cronologiche palesi, e per lo studio del commercio e circolazione della carta.

Il repertorio, e altri modellati sull’esempio, è organizzato catalogando le filigrane per “simboli”, partendo dai più diffusi.

Un’idea la si può avere consultando i siti
http://www.ksbm.oeaw.ac.at/wz/wzma.php
http://www.piccard-online.de/

Purtroppo non sono riuscito a trovare su web un sito con la versione elettronica del Briquet, l’unico segnalato è
http://linux,lettere,unige.it/briquet
relativo a Le filigrane degli archivi genovesi, riproduzione del lavoro omonimo del Briquet, non attivo.

Postilla: a questo punto proporrei il riconoscimento del titolo di “benemerito” a Jorge da Burgos, che è stato capace di destare da ozi e torpori.
A Jorge il mio ringraziamento (anche se la mia pigrizia dissente).

Modificato da - ScriptaVana on 09/08/2007 09:41:30

mario
Ospite

Italy
33 Posts

Posted - 27/01/2011 :  14:32:33  Show Profile
Ad integrazione mi permetto segnalarVi alcuni testi che reputo interessanti per chi voglia approfondire l'argomento:

-Aurelio Zonghi: "Le marche principali delle carte fabrianesi dal 1293 al 1599" prima publ.del 1881 ed ancora reperibile in forma cartacea.
Tale testo venne segnalato al Briquet, che già nel Dic.1881 scrisse allo Zonghi per avviare un rapporto di collaborazione e concludersi con il testo citato da Scripta.

-AA VV "Produzione ed uso delle carte filigrate in europa /sec.XIII-XX)" pubblicato da Pia università dei cartai di Fabriano di cui segnalo un capito sul rapporto Briquet-Zonghi ed uno studio con tabella riassuntiva sull'evoluzione delle forme per carta dal XIII al XIX sec.

-G.Castagnari : "L'arte della carta nel secolo di Federico II" sempre della Pia Università dei cartai nelle cui note sono riportate in forma grafica le più antiche filigrane conosciute. La forma più antica, riportata dal Briquet, è datata 1282 con disegno a "croce greca" rinvenuto da Archivio di Stato di Bologna ( serie Potestà) , molto simile ( ma non identica) a due immagini del 1293 citate dallo Zonghi. Riproduzioni elementari di lettere alfabetiche e 8 orizzontale sono le forme che appaiono su documenti tra il 1294 e 1300.
Go to Top of Page

ScriptaVana
Amministratore

3080 Posts

Posted - 27/01/2011 :  14:46:12  Show Profile
Grazie della segnalazione.

BV
Go to Top of Page

marioc
Visitatore

8 Posts

Posted - 07/02/2012 :  13:13:09  Show Profile
Segnalo agli interessati un lavoro in rete:
www.bernstein.oeaw.ac.at/../bernestein_2007.exhebition_catalog_it.
oppure inserendo Bernstein testa di bue sirena come parole chiave in motore di ricerca.
Saluti. MC
Go to Top of Page

ScriptaVana
Amministratore

3080 Posts

Posted - 08/02/2012 :  05:30:52  Show Profile
Grazie della importante segnalazione.

Qui il link corretto.

BV
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 Forum Bloccato
 Stampa
Vai A:
VILLAGGIO MEDIEVALE © VILLAGGIO MEDIEVALE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Forum Medioevo , Arte e Architettura Medievale, Ricostruzione Storica, Medioevo Italiano, Araldica Medievale, Turismo medievale