VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Iscritti | Ricerca | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 FORUM VILLAGGIO MEDIEVALE
 STORIA MEDIEVALE
 LA STORIA E I SUOI PERSONAGGI
 Curiosità dall'Hesperis di Basinio Parmense: Sigismondo Pandolfo Malatesta [indice 15.0]
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Author Previous Topic Topic Next Topic  

Tromolone
Ospite

Italy
49 Posts

Posted - 10/01/2010 :  21:07:21  Show Profile  Reply with Quote
Volevo parlarvi di una scoperta che potrebbe forse cambiare una tesi riguardante il monogramma sigismondeo.

Nell'Hesperis di Basinio Parmense, il canto epico che racconta le gesta di Sigismondo Pandolfo Malatesta, si possono trovare una serie di miniature rappresentanti l'esercito malatestiano e le bardature utilizzate dai cavalieri dello stesso esercito.
In queste bardature è presente il monogramma sigismondeo, come pare fosse stato imposto dal Signore di Rimini ai propri cavalieri.
In una di tali miniature però (in particolare quella in cui sono raffigurati i rappresentanti cittadini di Piombino che ringraziano Sigismondo per aver rotto l'assedio degli aragonesi), sono raffigurati dei monogrammi recanti la scritta SY al posto di SI.
Dopo aver visionato alcune firme di Sigismondo, le monete malatestiane del periodo e le medaglie di Matteo dè Pasti ho potuto constatare che Sigismondo utilizzava la forma "Sigismondo" (in volgare) o la forma "Sigismundus" (in latino), senza Y dunque. Tale lettera è invece presente nella forma volgare del nome Isotta, cioè "Yxotte", mentre nella sua forma latina la ritroviamo sottoforma di "Isote".
L'equazione è facile..
S+Y= Sigismono & Yxotte
S+I= Sigismundus & Isote

Il monogramma sigismondeo potrebbe veramente rappresentare l'amore che provava il Malatesti per la sua donna. Fra tutte le donne della sua vita solo ad essa venne concesso di coniare medaglia, di prendere una cappella del Tempio tutta per sè e di imprimerle immortale memoria, a lei Sigismondo dedica poesie ed una frase nel tempio.
Se poi guardiamo con un pò di romanticismo e un pò di senso artistico i monogrammi precedenti, possiamo notare come fossero stilisticamente differenti. Carlo, ad esempio, usava il monogramma KA o ancor più spesso la sola K. Pandolfo seguiva la stessa logica. Quel che fa pensare però è la resa artistica del simbolo. Mentre in quelli precedenti, la lettera dominante era la prima (K in Carlo e P in Pandolfo) mentre la seconda si trovava ad essere come messa in disparte o comunque in posizione più marginale, nel monogramma di Sigismondo le lettere sono rappresentate come se fossero sullo stesso piano. La "I" è equivalente alla "S" ed è da questa avvolta in maniera leggera e dolce, quasi rappresentasse i due in intimità (dunque si potrebbe anche pensare che Isotta, tinca come un sardone, non era granchè a letto ).

A corroborare la tesi, si pensi che i più antichi monogrammi finora ritrovati, sono contemporanei al castello, dunque, appartenenti a un periodo di frequentazione da parte dei due.. (perchè io c'ero.. come Vinci di Matrix.. Avete presente quando si dettero il primo bacio? Io ero lì!)

Che ne dite???

Basinio
Visitatore

7 Posts

Posted - 18/10/2012 :  12:09:09  Show Profile  Visit Basinio's Homepage  Reply with Quote
quote:
Originally posted by Tromolone
Dopo aver visionato alcune firme di Sigismondo, le monete malatestiane del periodo e le medaglie di Matteo dè Pasti


Gentile Tromolone,
forse però ha dimenticato un'altra importante fonte documentaria, la sfragistica malatestiana! Se osserva infatti i sigilli di Sigismondo Pandolfo (alcuni si possono osservare nel celebre lavoro del Malaguzzi Valeri, Il castello di Sigismondo Malatesta, 1903) noterà come la sigla SY sia assolutamente frequente. Se si considera che di questi esempi, riportati dal Malaguzzi Valeri, uno è del 1453, quando ancora cioè l'unione con Isotta di Francesco degli Atti non era ufficializzata (il matrimonio è del 1456) comprenderà che forse è una forzatura voler vedere nelle due lettere le iniziali di Sigismondo e di Isotta.

Questo consci del fatto che Francesco Gaetano Battaglini (Memorie istoriche di Rimino e de' suoi signori: ad illustrare la zecca e la moneta riminese) scrive, riguardo alla lettera Y di un sigillo di Sigismondo Pandolfo conservato presso i Padri Agostiniani e recante la data 17 dicembre 1454, lettera frequentemente usata in iscrittura di que' giorni per iniziale del nome d'Isotta.

In linea generale concordo con quanto asserì il Ricci nel suo mastodontico lavoro Il Tempio Malatestiano: SI o SY è la sigla per SIgismondo, e così doveva apparire per coloro che la osservavano dall'esterno. Che poi, data una fortunata coincidenza, fossero anche le iniziali del nome di Isotta, probabilmente il signore di Rimini lo ritenne un favorevole auspicio e così volle personalmente interpretarlo, ma noi non possiamo ancora saperlo.

un saluto
Go to Top of Page

Basinio
Visitatore

7 Posts

Posted - 19/10/2012 :  09:52:10  Show Profile  Visit Basinio's Homepage  Reply with Quote
Inserisco qualche immagine per mostrare agli interessati l'argomento della discussione. La copia dell'Hesperis da cui ho tratto queste immagini è quella conservata presso la Bodleian Library di Oxford.

sigla SI



sigla SY



un saluto
Go to Top of Page

Tromolone
Ospite

Italy
49 Posts

Posted - 08/03/2013 :  12:11:36  Show Profile  Reply with Quote
A proposito della tematica riguardante l'ufficializzazione del rapporto tra i due, dobbiamo ricordare che, se è vero che il matrimonio venne contratto solo nel 1456, è vero anche che il loro legame venne reso pubblico in seguito alla morte di Polissena Sforza, avvenuta nel 1449.
Una riprova di ciò si ha nella redazione del Liber Isottaeus avvenuta in quegli anni.
Si sa anche che il loro rapporto clandestino dev'essere iniziato non più tardi del 1446, come attesterebbero alcune poesie/canzoni scritte da Sigismondo in onore di Isotta.
Se teniamo poi conto del permesso concesso a Isotta per quel che riguarda la sua cappella all'interno del Tempio, possiamo dire che sicuramente la donzella possedeva un certo peso già prima del 1449 (data di fine lavori per quella cappella), ricordiamo inoltre l'iscrizione posta sopra il suo sepolcro e che la ricorda così: "Isote Ariminensi forma et virtute Italie decori", indicando infine la data 1446.. Questa data non può essere quella di nascita di Isotta ne quella di morte, non è dunque da scartare l'ipotesi di una indicazione riguardante l'inizio del loro rapporto.
Go to Top of Page

ScriptaVana
Amministratore

3079 Posts

Posted - 08/03/2013 :  14:07:53  Show Profile  Reply with Quote
Stante il carattere della discussione, si traferisce dalla sezione "Scrittura e miniatura"

Moderazione: SV
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Vai A:
VILLAGGIO MEDIEVALE © VILLAGGIO MEDIEVALE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Forum Medioevo , Arte e Architettura Medievale, Ricostruzione Storica, Medioevo Italiano, Araldica Medievale, Turismo medievale