VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Iscritti | Ricerca | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 FORUM VILLAGGIO MEDIEVALE
 ARTE, ARCHITETTURA E LETTERATURA
 LA NOSTRA BIBLIOTECA
 Governo ed esercizio della milizia: bombarde
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Author Previous Topic Topic Next Topic  

opto
Nuovo Abitante

Italy
105 Posts

Posted - 27/09/2015 :  12:33:53  Show Profile  Reply with Quote
Autore : Orso Orsini duca di Ascoli.

Sto approfondendo lo studio di questo trattato scritto da Orso Orsini per il Re di Napoli nel 1477. Ma trovo alcune difficolta nell'interpretare alcuni passaggi. Così dopo molte ricerche su internet ed in questo stesso forum, mi trovo a chiedere consiglio agli utenti più esperti di me.
Vi sottopongo il primo dei passaggi di cui non vengo a capo:
parlando di artiglierie
"e fare a dicte bombarde Le sedime de brunCo piani de socto/et cossi piani nel volte fini al meCo de le bombarde Lassarce li busida capo per poterli legare / quale sedime vorriano essere tre per bombarda / oviro per fuggire lo impaccio de portare dicte sedime de brunCo farli fare scale grosse de legno dove se possono legare suso che sempre se fariano quando se alloggia/in due/o/tre hore"
La C interna alle parole sta a sostituire una c con un ghirigoro sottostante

Bartolo
Amministratore

Italy
2946 Posts

Posted - 28/09/2015 :  22:14:50  Show Profile  Visit Bartolo's Homepage  Click to see Bartolo's MSN Messenger address  Reply with Quote
La C con il ghirigoro sottostante [ç] si definisce "C cedigliata" ed è un espediente grafico per indicare il suono corrispondente alla zeta (es. parole "zona", "scorza" e simili); il termine "sedime" dovrebbe essere traducibile come "basamento".

Il discorso dell'Orsini - siamo al par. XV - pare vertere sul corretto modo di ancorare gli affusti delle bombarde, allo scopo di evitare rinculi o uscite di sede durante il tiro. Parafrasando liberamente in italiano corrente, il significato del passo di tuo interesse dovrebbe essere all'incirca il seguente:

E occorre fare per le dette bombarde i basamenti di bronzo piatti sul fondo e allo stesso modo piatti nella parte soprastante fino alla metà delle bombarde, lasciando dei fori alle estremità per poterli legare; come basamenti ne occorrono tre per bombarda o, volendo evitare l'impaccio di trasportare i predetti basamenti in bronzo, si possono realizzare delle scale (assi?) in legno che si possano legare nella parte alta, tenendo conto che questo è fattibile nell'arco di due o tre ore quando si alloggia
Go to Top of Page

opto
Nuovo Abitante

Italy
105 Posts

Posted - 30/09/2015 :  20:48:58  Show Profile  Reply with Quote
Bartolo secondo te è plausibile che facessero i basamenti dei cannoni in bronzo?
Go to Top of Page

Bartolo
Amministratore

Italy
2946 Posts

Posted - 30/09/2015 :  21:36:52  Show Profile  Visit Bartolo's Homepage  Click to see Bartolo's MSN Messenger address  Reply with Quote
Non sono un esperto di artiglierie, ad ogni modo se lo scrive un trattatista come l'Orsini (maestro in questo campo) non vedo il motivo per cui non dovremmo credergli; oltretutto è lui stesso che indica come alternativa al bronzo le "scale grosse" di legno.
Di certo è intuibile che il rinculo sul bronzo non ha grande effetto, quindi è certamente più duraturo.

E' ovviamente ben possibile che il termine "sedime" in volgare non significhi "basamento", ma in tal caso a cosa pensare?

Il Dizionario Garzanti contempla questo termine:
http://www.garzantilinguistica.it/ricerca/?q=sedime

E' inoltre opportuno tener conto che per il termine molto simile di sedine - sedini - sidini qui nel riminese il Delucca riporta, nel regesto di documenti locali, il significato di "calastra, sostegno, trave, piano d'appoggio", in genere destinato a botti e tini, oggetti molto pesanti e tondeggianti che - guardacaso similmente a una bombarda - necessitano di una sede ben solida per essere posati stabilmente.
[cfr. O. DELUCCA, L'abitazione riminese nel Quattrocento. Parte Prima. La Casa Rurale, Stefano Patacconi Editore, Rimini, 2001, v. glossario a p. 823; O. DELUCCA, L'abitazione riminese nel Quattrocento. Parte Seconda. La Casa Cittadina, vol. 2, Stefano Patacconi Editore, Rimini, 2006, v. glossario a p. 2529].

Non è che qualche indizio in più, intendiamoci, ad ogni modo potrebbe essere rafforzativo per l'ipotesi "sedime = basamento".
Go to Top of Page

carla
Amministratore

2197 Posts

Posted - 01/10/2015 :  10:11:07  Show Profile  Visit carla's Homepage  Reply with Quote
Anch a me verrebbe da tradurre come luogo dove porre la bombarda, sede, o qualcosa del genere.
In effetti, il termine potrebbe venire direttamente dal latino, dove uno dei significati è proprio "luogo vuoto adatto a edificare, piantare etc." quindi ha senso che divenga anche "dove sistemare, allocare un qualcosa".


http://ducange.enc.sorbonne.fr/SEDIMEN3
Go to Top of Page

Bartolo
Amministratore

Italy
2946 Posts

Posted - 01/10/2015 :  11:18:36  Show Profile  Visit Bartolo's Homepage  Click to see Bartolo's MSN Messenger address  Reply with Quote
Ciao Carla. Stavo giusto pensando di andare a riportare anche il Du Cange... mi hai anticipato!
Go to Top of Page

carla
Amministratore

2197 Posts

Posted - 02/10/2015 :  13:29:54  Show Profile  Visit carla's Homepage  Reply with Quote
Pensandoci su...

Potrebbe anche essere

"tre basamenti per ogni bombarda, ovvero (cioè) per evitare l'impaccio di portare queste basi di bronzo, far fare scale grosse di legno a cui si possono legare su (le bombarde), cosa che si farebbe, quando si alloggia (la bombarda) in due o tre ore".

Ovvero: posto che si debbano spostare sistematicamente le bombarde, meglio fare tre basamenti fissi nei luoghi d'uso e spostare solo le bombarde con un apposito sistema (scale? qui bisognerebbe capire cosa si intende), cosa che è fattibile (assicurarle al sistema di trasporto e spostarle) in due o tre ore.

Implicito, in una interpretazione di questo tipo, che spostare bombarda e relativo basamento richiederebbe molto più tempo.

Bisogna vedere a questo punto il contesto: si tratta di bombarde generiche, oppure di una situazione specifica?
La mia lettura può essere presa in considerazione solamente nel caso che, appunto, si stia parlando di mobilità del pezzo all'interno di una fortificazione. D'altra parte, perché fare tre basamenti per una sola bombarda? io in questo ci vedo l'idea che la bombarda in questione può/deve essere usata in tre luoghi diversi.


Go to Top of Page

Gabriele
Ospite

48 Posts

Posted - 02/10/2015 :  20:15:58  Show Profile  Visit Gabriele's Homepage  Reply with Quote
Mi viene in mente questo, sulla falsa riga di Carla: una calastra non è un pezzo unico, ma un insieme di almeno due pezzi concavi sui quali si appoggia la botte. Almeno, se penso alla calastra da botte, la penso fatta così.
Se questi pezzi sono destinati al tiro, o sono tremendamente massicci per evitare di essere sballottati dal rinculo, o sono fissati ad una struttura in legno. In entrambi i casi, un manufatto del peso considerevole.
Ammesso ne servano tre per bombarda (due per l'affusso e uno per il cannone?), allora questo resta un manufatto unico in tre pezzi, che va spostato insieme alla bombarda.
Ma, in alternativa, giacché spostare questo demonio in bronzo sarebbe troppo complesso, si può costruire interamente di legno, come una scala (immaginatevelo visto in una sezione longitudinale), cioè che abbia diversi livelli in legno nei quali si incastrano i vari pezzi della bombarda (si ottiene qualcosa dal peso inferiore).

quello che non mi spiego è: questa bombarda non potrebbe mai alzare il tiro...

Un'altra cosa che mi viene in mente è rappresentata in questa immagine: http://www.icastelli.org/principi/armi/bombarde_pesanti/Leonardo_mortaio.jpg (Da Vinci, ma è solo per far vedere un esempio) dove la scala sarebbe una "scala graduata" che permette di regolare l'alzata.

Sono solo pensieri, non ho idea di cosa volesse dire l'Orsini.
Go to Top of Page

opto
Nuovo Abitante

Italy
105 Posts

Posted - 03/10/2015 :  09:38:34  Show Profile  Reply with Quote
quote:
Originally posted by carla

Pensandoci su...

Potrebbe anche essere

"tre basamenti per ogni bombarda, ovvero (cioè) per evitare l'impaccio di portare queste basi di bronzo, far fare scale grosse di legno a cui si possono legare su (le bombarde), cosa che si farebbe, quando si alloggia (la bombarda) in due o tre ore".

Ovvero: posto che si debbano spostare sistematicamente le bombarde, meglio fare tre basamenti fissi nei luoghi d'uso e spostare solo le bombarde con un apposito sistema (scale? qui bisognerebbe capire cosa si intende), cosa che è fattibile (assicurarle al sistema di trasporto e spostarle) in due o tre ore.

Implicito, in una interpretazione di questo tipo, che spostare bombarda e relativo basamento richiederebbe molto più tempo.

Bisogna vedere a questo punto il contesto: si tratta di bombarde generiche, oppure di una situazione specifica?
La mia lettura può essere presa in considerazione solamente nel caso che, appunto, si stia parlando di mobilità del pezzo all'interno di una fortificazione. D'altra parte, perché fare tre basamenti per una sola bombarda? io in questo ci vedo l'idea che la bombarda in questione può/deve essere usata in tre luoghi diversi.





purtroppo se pur logica, tale interpretazione è da escludere o da rivedere. Infatti l'Orsini nel trattato parla di un esercito parrebbe in movimento. ma adattato al contesto dei campi è pur sempre plausibile.
Mi rimane il dubbio del materiale di realizzazione a mio parere molto costoso anche all'epoca.
Per l'alzo, nei contesti di assedio visibili nell'iconografia, spesso veniva dato scavando o apportando materiale al piano di appoggio del basamento stesso.
mi rimane il dubbio inoltre che lo descrivano come una specie di tavolone di bronzo...
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Vai A:
VILLAGGIO MEDIEVALE © VILLAGGIO MEDIEVALE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Forum Medioevo , Arte e Architettura Medievale, Ricostruzione Storica, Medioevo Italiano, Araldica Medievale, Turismo medievale