VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Iscritti | Ricerca | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 FORUM VILLAGGIO MEDIEVALE
 RIEVOCAZIONE STORICA
 ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI
 Abbigliamento e accessori 1380 1410
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Author  Topic Next Topic  

Will
Visitatore

Italy
5 Posts

Posted - 01/10/2018 :  22:37:05  Show Profile  Reply with Quote
Buongiorno a tutti,

vorrei avvicinarmi alla rievocazione e ricostruire una figura negli anni 1380-1410 dell'area geografica al nord est dell’Italia, in particolar modo friulana, andrei quindi a ricostruire quei fatti e vicende che insanguinarono il Friuli durante la Guerra di successione al Patriarcato e parte degli anni che portarono alla caduta stessa di quello Stato.
Successivamente all’area geografica e alla posizione temporale della ricostruzione, le prime cose da prendere a riferimento sono anche e, soprattutto, la "classe" sociale di appartenenza dell'individuo da ricostruire. Un breve excursus: tra pochi mesi mi laureerò in Conservazione dei beni culturali, per mia fortuna per qualche domenica al mese lavoro al Museo archeologico medievale di Attimis il quale ha in sua gestione alcuni castelli del Friuli orientale (Cergneu, Attimis superiore e inferiore, Partistagno, Cucagna e Zucco, Soffumbergo, Zuccola e la Motta di Savorgnano). La figura che andrei a ricostruire è quella di un abitante di una di queste fortezze, idealmente di Partistagno (il cui castello è restaurato) e magari un giorno poter offrire visite guidate in abbigliamento trovando qualche socio.

Ma ora basta con le parole, passiamo ai fatti: ho già compiuto le dovute ricerche per le fonti, tuttavia vorrei alcune consultazioni e conferme da parte vostra e soprattutto consigli, quelli non bastano mai.

Iniziando dall'intimo vediamo alcune illuminazioni e affreschi:

Proseguiamo poi con le calzebraghe:

Ed ora degli accessori direttamente collegati alle calzebraghe, le giarrettiere:

Il nostro personaggio ora indossa una cottardina (o è meglio il termine gonnella?):

Per quanto riguarda i copricapi ho deciso per una cuffia affrappata e un cappello a punta:

I cappelli a punta sono ampiamente documentati, nel mio caso ho scelto un paio di fonti in particolare che ne mostrassero l’uso con una piuma:

Il nostro personaggio ha optato per delle poulaine ai suoi piedi e per le giornate in cui piove o il terreno è poco adatto per delle pianelle:

Volendosi distinguere il personaggio indosserà una pellanda, un abito dalle maniche larghe e dal collo alto (come il personaggio a sinistra della prima illuminazione), con decorazioni affrappate, nel mio caso le frappe di cuffia e liripipe e della pellanda saranno le medesime come l’abbigliamento indossato da Trasone:

Un mantello è decisamente un accessorio utile per il vento e il freddo:
  • BNF Latin 9333, fol. 56V, XV secolo, questa figura lo mostra utilizzato durante delle cattive meteo;
    https://postimg.cc/cvb8wjTT
  • BNF Nouvelle acquisition latine 1673, 1390-1400;
    https://postimg.cc/Y4LL33s7
  • Chiesa di San Gervasio e Protasio a Nimis (Udine), seconda metà del XIV secolo, ma il mantello doveva essere anche abbigliamento abbastanza comune per i componenti più benestanti della società medievale;
    https://postimg.cc/9R3RN767

Un accessorio che caratterizzava le classi particolarmente elevate e ricche, in uguale misura cavalieri e persone non nobili, era la cintura a placche, veniva vestito all’altezza delle anche:


Non vorrei aprire inutilmente nuove discussioni quindi abuserò della vostra pazienza per chiedervi due cose riguardanti l’armamento, e solo quello, che il mio personaggio potrebbe indossare. 

Una spada è sicuramente una parte di quegli armamenti che il personaggio che intendo ricostruire ha quasi sicuramente utilizzato:
  • 29.150.143, questa è la spada detta “di Alessandria” conservata al Metropolitan Museum of Art di New York, è datata al 1419 grazie all’incisione in caratteri arabi;
    https://postimg.cc/tZdX9ST9

Il relativo fodero avrà le seguenti guarnizioni:
  • ESS-D85B66 (dal sito finds.org.uk), si tratta di una chape dotata di un pontincello nel quale passerà una cinghietta per allacciare il fodero alla cintura a placche;
    https://postimg.cc/LYWV6T00
  • In questa effige funeraria si vede la spada appesa alla cintura a placche, o meglio non si vede come venisse appesa, per questo ipotizzo che essa potesse essere allacciata alla cintura tramite la precedente chape con ponticello e una cinghietta apposita. L’effige è di William de Breyene;
    https://postimg.cc/8sFHX278
  • IOW-FF0561 (dal sito finds.org.uk), questa sarà la fibbia di tale cinghietta;
    https://postimg.cc/RWzxZ1kF

Potrei accontentarmi della spada, ma penso che una daga sia un altro degli elementi indispensabili per una persona di quel rango. La scelta dettata dalla moda dell’epoca sarebbe una daga a rondelle, ho due esemplari che trovo molto belli:


La daga basilarda mi piace molto e un libro a riguardo (Daggers & Bayonets – A History) scrive che la basilarda, la daga a rondella e la daga a rognoni sono coeve, tuttavia mi sembrerebbe che la basilarda venga dismessa verso la fine degli anni 1380 per poi scomparire definitivamente. Sono corretto o sbaglio?

L’abito e gli accessori sono un lavoro in itinere, per intanto pubblico le fonti e nei prossimi mesi (marzo, aprile) inizierò con le riproduzioni. Nel frattempo aspetto vostre critiche e consigli.
 
Saluti.

carla
Amministratore

2185 Posts

Posted - 02/10/2018 :  08:42:47  Show Profile  Visit carla's Homepage  Reply with Quote
Benvenuto!
Post interessante, anche per la serie di spunti che propone.
Segnalo l'avvenuta lettura, appena ho tempo esamino uno per uno i punti proposti...
Go to Top of Page

Will
Visitatore

Italy
5 Posts

Posted - 25/10/2018 :  20:12:51  Show Profile  Reply with Quote
Novità?
Go to Top of Page

carla
Amministratore

2185 Posts

Posted - 29/10/2018 :  10:43:29  Show Profile  Visit carla's Homepage  Reply with Quote
Hai ragione... ma la tesi di laurea sta assorbendo tutto il mio tempo libero...
Go to Top of Page

Will
Visitatore

Italy
5 Posts

Posted - 29/10/2018 :  16:40:41  Show Profile  Reply with Quote
ahh, meglio allora dare importanza primaria a quella. Buona fortuna! Anch'io sto scrivendo la mia
Go to Top of Page

carla
Amministratore

2185 Posts

Posted - 14/11/2018 :  14:18:14  Show Profile  Visit carla's Homepage  Reply with Quote
Ho ridato un'occhiata rapida.
Più o meno mi sembra che i pezzi ci siano tutti. L'importante è poi vedere come vengono realizzati.

Fai molta attenzione soprattutto alla forma del corpo, alla sagoma che l'insieme vestimentario modella, perché è l'elemento essenziale e caratteristico del secolo.
Nella seconda metà, come si vede chiaramente anche dalle immagini da te presentate, il petto è messo in risalto, probabilmente anche con imbottitura differenziale. Tieni conto che sotto la veste - chiamarla gonnella o cottardita sono alla fine sfumature, dipende anche dalla lingua che si parla, perché questi termini ci arrivano a attraverso i vari volgari o addirittura dal latino - quasi sempre c'è un farsetto (cioè una cosa imbottita, uso il temine funzional-strutturale), che modella quella buffa forma col petto gonfio, a palla.
Questo poi al di sotto delle costole fluttuanti diviene aderente ai fianchi e si abbassa sino a sotto l'inguine. Su di esso, come si vede anche in una delle immagini tue, viene appoggiata la cintura a piastre.
Come riferimento per l'oggetto, prendi il purpoint di Charles di Blois, del Museo di Lione (quando non è in turné in giro per il mondo...): in rete si trovano un po' di immagini e di schemi.
Il cartamodello è stranissimo, ma riflette quello che si vede nelle illustrazioni dell'epoca. Vado a memoria, basandomi sulle immagini che avevo usato per la tesi di triennale, però se razzoli sui Tacuina Sanitatis che hai indicato sopra, saltano fuori delle immagini identiche come taglio, cioè che fanno vedere i tagli esatti.
Quello di Charles di Blois non è particolarmente imbottito, e quindi si è supposto che sotto avesse un vero e proprio capo imbottito. Comunque, se guardi la forma tonda del petto di quegli omini, è evidente che è deformata, ricreata con imbottiture.
Non dico di esagerare, ma un minimo di stacco fra i fianchi fasciati e il pettio in evidenza, se si sagoma bene secondo gli schemi antichi, si può ottenere.
Non trascurerei comunque questo capo "di sotto" perché è quello a cui si appendono le calze, quindi deve esserci.

...basta, fine intervallo di pranzo...
Go to Top of Page
   Topic Next Topic  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Vai A:
VILLAGGIO MEDIEVALE © VILLAGGIO MEDIEVALE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Forum Medioevo , Arte e Architettura Medievale, Ricostruzione Storica, Medioevo Italiano, Araldica Medievale, Turismo medievale