VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE
VILLAGGIO MEDIEVALE | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Iscritti | Ricerca | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 FORUM VILLAGGIO MEDIEVALE
 RIEVOCAZIONE STORICA
 VARIE E CURIOSITA'
 Venticinquina, vexillum (?) e sesto
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Author Previous Topic Topic Next Topic  

Francesco Guidi
Visitatore

6 Posts

Posted - 05/06/2019 :  00:00:42  Show Profile  Reply with Quote
Salve a tutti. Leggendo alcune cose circa l'organizzazione dell'esercito fiorentino del XIII secolo, ho visto che alcuni autori parlano di "vexilla", ovvero di unità che raggruppavano più venticinquine dello stesso sesto (ad es. vedi P.R DI COLLOREDO, La battaglia di Montaperti, Vol.1) .
Io, leggendo qua e là - e sicuramente mi saranno sfuggite diverse cose- il Libro di Montaperti, invece, non ho trovato menzione di questi "vexilla" o gonfaloni. Ci sono, sì, i Gonfalonieri, ma sono ufficiali e in numero di uno per sesto. Per il resto le venticinquine sembrano raggruppate per "populi" e non per "vexilla".
Sapete mica da dove sia ripresa quest'informazione dell'esistenza dei vexilla?

carla
Amministratore

2193 Posts

Posted - 06/06/2019 :  12:28:38  Show Profile  Visit carla's Homepage  Reply with Quote
Benvenuto!
Un'indicazione al volo: se l'informazione è data da un certo autore in un dato libro, di solito nelle note al testo si trova l'indicazione bibliografica della fonte da cui l'ha tratta.
Quindi in teoria il problema in parte* si risolve.

A meno che non si abbia a che fare con un testo in cui non è riportata alcuna nota bibliografica, ma semplicemente un insieme di informazioni di provenienza sconosciuta... motivo sufficiente per riporre il testo sull'apposito scaffale, e cercare altri testi sull'argomento scritti in maniera più accurata e trasparente**.

* "in parte" perché può essere che il testo rimandi a un altro autore e non al documento originale, e quindi si ricomincia: da dove quell'autore ha tratto l'informazione? vedi note bibliografiche...

** ...mica siamo solo noi qui su questo forum a pretendere la fonte delle informazioni... è il minimo sindacale che un autore di seriosi libri in obsoleta carta stampata deve rispettare!
Go to Top of Page

Francesco Guidi
Visitatore

6 Posts

Posted - 06/06/2019 :  14:50:31  Show Profile  Reply with Quote
quote:
Originally posted by carla



* "in parte" perché può essere che il testo rimandi a un altro autore e non al documento originale, e quindi si ricomincia: da dove quell'autore ha tratto l'informazione? vedi note bibliografiche...




Esatto. Senza considerare che non è semplice procurarsi questi libri. L'autore in questione comunque rimanda, per la suddivisione in vexilla (o gonfaloni) dei sesti, proprio al libro di Montaperti
Go to Top of Page

carla
Amministratore

2193 Posts

Posted - 07/06/2019 :  12:50:07  Show Profile  Visit carla's Homepage  Reply with Quote
Se fa riferimento all'edizione del Paoli, dovrebbe - per lo meno, sarebbe corretto - indicare anche la pag. a cui si riferisce. Elemento questo che sarebbe per noi significativo, in quanto permetterebbe di distinguere tra il testo redatto dall'autore riordinando e riassumendo i dati del manoscritto originale - quindi la sua interpretazione - e l'edizione critica del testo stesso, ovvero quanto contenuto nel dettaglio e in lingua originale.
In linea teorica, potrebbe essere un'informazione inserita in qualche pergamena, e che il Paoli per un qualche motivo ha deciso di non considerare come importante; oppure di contro, un'informazione che l'autore desume da tutto il contesto, secondo la sua interpretazione. Si tratta, ovviamente, di due situazioni di valore diverso.

Certo, escludendo che l'informazione sia stata valorizzata dall'autore nella sua trattazione, per poter dire qualcosa occorrerebbe leggersi tutto il testo originale. Magari da qualche parte dice che il gonfaloniere a capo di un sesto controlla / tiene sotto di sé / raggruppa tutte le venticinquine del sesto stesso; da qui a dedurne che le venticinquine sono raggruppate secondo il gonfaloniere, e quindi il vexillum, il passo è breve... sono solo ipotesi, sia ben chiaro - non ho mai letto nel dettaglio il Libro di Montaperti, perché esula dalla mia area di interesse - però si possono prendere come idee sparse per procedere con metodo.
Se la fonte è solo quella, non restano molte alternative.
Go to Top of Page

ScriptaVana
Amministratore

3076 Posts

Posted - 16/06/2019 :  19:32:41  Show Profile  Reply with Quote
BALESTRACCI DUCCIO, La Battaglia di Montaperti, Roma Bari, Laterza 2017 (6), pp. 69-70, nota 17

«Ogni Sesto coinvolto ripartisce i suoi uomini in vexilla che organizzano le venticinquine fornite da ogni parrocchia»

Con rinvio in nota a piè pagina:

«L’esempio del Sesto di San Pancrazio, analizzato da Giuliani (Armi, armature ed organizzazione dell’esercito, p. 52) consente di farci un’idea di questa struttura. Il Sesto è organizzato in tre vexilla che raggruppano gli uomini di 9 parrocchie per un totale di 16 venticinquine corrispondenti a circa 400 soldati»

Il rinvio bibliografico è a

GIULIANI MARCO, Armi, armature ed organizzazione dell’esercito in Montaperti. La battaglia nel diorama di Mario Venturi, Firenze, Scramasax, 2000, pp.43-56.

Il Libro di Montaperti, a c. di Cesare Paoli, Firenze, Viesseux 1889 è digitalizzato al sito archive.org


Go to Top of Page

Francesco Guidi
Visitatore

6 Posts

Posted - 21/06/2019 :  22:36:33  Show Profile  Reply with Quote
Ho trovato menzione dei gonfaloni dell'esercito fiorentino nel Libro di Montaperti a pag. 73 e ss. dell'edizione del Paoli, laddove si assegnano appunto a ciascun gonfalone di ogni sesto (e ad alcune società d'armi) i rispettivi notai.

http://www.carnesecchi.eu/libro_di_montaperti.pdf

Da notare comunque che il numero di gonfaloni risultante da quest'elenco non corrisponde all'elenco fatto da Villani (pag. 264), che riporta l'esistenza di soli 20 gonfaloni nel 1250.


http://www.letteraturaitaliana.net/pdf/Volume_2/t48.pdf

Vi è anche un incongruenza nell'organizzazione dei palvesai e dei balestrieri, laddove dal Libro di Montaperti risultano 3 gonfaloni ciascuno, mentre Villani ne riporta solo due.

Forse è possibile che nei dieci anni che separano gli eventi descritti da Villani dalla battaglia di Montaperti vi fossero stati dei cambiamenti nella composizione dell'esercito.
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Stampa
Vai A:
VILLAGGIO MEDIEVALE © VILLAGGIO MEDIEVALE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06
Forum Medioevo , Arte e Architettura Medievale, Ricostruzione Storica, Medioevo Italiano, Araldica Medievale, Turismo medievale